29 Gennaio: il Santo del giorno è Costanzo da Perugia

Amatissimo vescovo di Perugia che morì martire

chiudi

Caricamento Player...

29 Gennaio: il Santo del giorno è Costanzo da Perugia, che fu Vescovo giovanissimo e morì martire per volere di Marc’Aurelio.

Un vescovo pio, amato e giovane

Vissuto verso la metà del secondo secolo dopo Cristo, Costanzo si trovò a ricoprire molto giovane la carica di Vescovo durante il difficile periodo delle persecuzioni messe in atto dai Romani. L’imperatore Marco Aurelio, dotto in filosofia,  non fu feroce quanto i suoi predecessori ma non fermò completamente le persecuzioni ai danni della nuova setta religiosa.
Con ogni probabilità Costanzo fu arrestato a causa della delazione di qualcuno che, dopo il suo arresto e la sua condanna, avrebbe voluto mettere le mani sugli ingenti beni amministrati da Costanzo per la cura dei bisognosi.

La condanna e le punizioni inflitte al santo furono rocambolesche: prima il vescovo venne flagellato perché confessasse il nome di altri cristiani, quindi venne immerso in acqua bollente.
Dall’acqua mortale Costanzo emerse illeso, protetto dalla volontà divina, e quindi fu imprigionato di nuovo.
Durante le prigionia la sua devozione riuscì a far breccia nel cuore dei suoi carcerieri, che per sua mano si convertirono al cristianesimo e lo lasciarono fuggire.
Fu nuovamente data la caccia al vescovo, il quale si era rifugiato presso un altro cristiano di nome Anastasio. Furono catturati entrambi e infine sgozzati con la spada, il 29 Gennaio del 170 circa.

29 Gennaio: il Santo del giorno è Costanzo da Perugia

A dimostrazione di quanto grande fosse la fama del santo e quanto diffusa la sua venerazione, esistono ben quattro versioni della sua vita e della sua passione, che differiscono su alcuni particolari l’una dall’altra. Tutte concordano però sui modi e sul luogo della sepoltura di Costanzo dopo il martirio: il Vescovo fu seppellito non lontano da Perugia, preso Areola Fuori Porta San Pietro. Nei secoli successivi sul luogo della sua tomba fu eletta una chiesa a lui dedicata.
Secondo un’antica tradizione, se nel giorno della sua commemorazione la statua di San Costanzo viene visitata da giovani vergini e ancora nubili, il Santo potrebbe fare un’occhiolino. Questo indicherebbe senza possibilità d’errore, che la ragazza verrà chiesta in sposa entro l’anno.

Fonte immagine di copertina: Wikipedia