La vitamina D negli alimenti si concentra soprattutto in alcune categorie di cibi, ecco cosa sapere per integrarla nella dieta.

La vitamina D è essenziale per il nostro benessere perché svolge un ruolo importante per il corretto mantenimento nelle ossa. Per scongiurare eventuali carenze talvolta si deve ricorrere ad integratori specifici, ma vista la presenza di vitamina D negli alimenti, si può anche integrarla in parte con l’alimentazione.

Questa vitamina costituisce un caso particolare perché i suoi livelli nell’organismo non dipendono solamente dalla quantità assunta con il cibo. Trascorrendo del tempo all’aria aperta, sotto i raggi del sole, questa vitamina viene prodotta proprio a livello della cute. La sua produzione dipende, quindi, in gran parte da quanta ne viene sintetizzata nell’organismo, mentre solo in minima parte (circa il 10%) è assunta con la dieta. Scopriamo ora quali sono i cibi che contengono vitamina D.

Alimenti ricchi di vitamina D

Tra gli alimenti che contengono vitamina D una nota di merito va all’olio di fegato di merluzzo. In realtà non si tratta di un vero e proprio cibo, ma viene ancora oggi utilizzato come una delle principali fonti di questa vitamina.

Vitamina D
Vitamina D

Ci sono poi altri cibi ricchi vitamina D che possiamo introdurre nella nostra dieta, perlopiù dobbiamo concentrare la nostra attenzione sempre sul pesce. Tra le fonti principali di vitamina D ci sono, infatti, i pesci grassi che comprendono il salmone, l’anguilla, il tonno, la trota e lo sgombro. E oltre al pesce, la vitamina D dove si trova?

Altri cibi con vitamina D

La vitamina D è presente anche in altri alimenti, anche se le quantità sono spesso inferiori rispetto ai tipi di pesce che abbiamo menzionato. Tra questi abbiamo il latte e i suoi derivati, tra cui i formaggi grassi, ma anche nel burro.

Un’altra fonte di vitamina D è nelle uova, specialmente nel tuorlo, per quanto riguarda la carne, invece non ci sono livelli sufficienti. Fa eccezione però il fegato, che oltre a essere ricco di ferro e proteine contiene anche in parte questa vitamina. Spesso i mix di cereali e muesli venduti per la prima colazione sono arricchiti con diverse vitamine, tra cui proprio la vitamina D.


A cosa è dovuta la carenza di calcio e quali conseguenze provoca?

Sudorazione eccessiva: le cause e come combattere l’iperidrosi