Perché il calcio è così importante per la nostra salute e cosa succede nel momento in cui si va incontro a carenza di calcio?

Il calcio è uno dei minerali più importanti per la nostra salute, grazie ad esso, infatti, le nostre ossa si sviluppano adeguatamente. Il suo ruolo non si esaurisce durante lo sviluppo, ma proprio con l’avanzare dell’età è importante prestare attenzione a un’eventuale carenza di calcio.

Se la mancanza di calcio dovesse protrarsi troppo a lungo ci sarebbero, infatti, conseguenze negative per il sistema osseo. Tra queste c’è ad esempio un aumento del rischio di fratture con l’avanzare dell’età che può pregiudicare la qualità della vita. Vediamo da quali sintomi è accompagnata la carenza di calcio e quando può sopraggiungere.

Chi rischia una carenza di calcio

Solitamente un’alimentazione variegata riesce a fornire il giusto apporto di calcio, visto che basta integrare nella dieta latte e derivati. Il calcio è inoltre presente anche nei vegetali tra cui i broccoli e i legumi secchi. Ci sono, però, momenti particolari della vita in cui è più frequente andare incontro a carenze di questo minerale, malgrado lo si assuma con la dieta.

latte bicchiere bottiglia vetro
latte bicchiere bottiglia vetro

La menopausa è uno dei fattori che più incide, durante questo periodo, infatti, si riduce la capacità di assorbire il minerale. Questo significa, che sebbene si assumano alimenti ricchi di calcio, solo una parte del minerale viene effettivamente introdotta nell’organismo. Un altro caso che può portare alla riduzione dell’assunzione di questo minerale si ha quando si sceglie di seguire un regime alimentare ristretto. Questo succede ad esempio nelle diete vegane in cui vengono esclusi dall’alimentazione anche i derivati animali, tra cui proprio il latte e i suoi derivati.

Carenza di calcio: i sintomi

Quando si va incontro ad una mancanza di calcio, i sintomi tendono a restare silenti nelle prime fasi. Si hanno, quindi, pochi segnali che ci permettono di ravvederci del problema in prima istanza. Questi comprendono la sensazione di torpore alle dita e la comparsa di crampi muscolari.

Crampi alle gambe
Crampi alle gambe

Solo quando le carenze proseguono nel tempo si può andare incontro a conseguenze più serie per la salute. La mancanza di calcio nelle ossa può condurre a osteopenia, per cui le ossa tendono man mano a indebolirsi. Nei casi più gravi può sopraggiungere l’osteoporosi vera e propria e di conseguenza si aggrava il rischio di fratture.


Cuscino con noccioli di ciliegio: ecco perché fa bene

Vitamina D negli alimenti? Ecco i cibi che ne sono più ricchi