Visitare la Chiesa di Santa Margherita

La Chiesa di Santa Margherita, un edificio suggestivo nel cuore di Bisceglie. Ecco come visitare questo bene promosso dai volontari del FAI nel 2016.   

chiudi

Caricamento Player...

La Chiesa di Santa Margherita è un vero e proprio tesoro del turismo pugliese. Scopriamo di più su questo edificio magnifico di Bisceglie.

La chiesa

La Chiesa di Santa Margherita è un esempio raro di romanico pugliese rimasto integro. La struttura è dedicata a Santa Margherita di Antiochia e venne costruita in segno di gratitudine da parte del suo fondatore, Falco, giudice della Curia Imperiale. Il nobile la arricchì di arredi sacri e tombe di famiglia. La chiesa risale al XII secolo, più precisamente al 1197, ed è stata scolpita nella pietra da taglio a corsi disuguali del posto. Il timpano di facciata incornicia una rosa scolpita con le iniziali della Santa a cui è votato il tempio. La cura del bene è affidata alla Delegazione FAI di Andria Barletta Trani, che si occupa dell’apertura e dello svolgimento delle visite secondo un calendario prestabilito. Gli ultimi lavori di restauro risalgono al 2002.

Come arrivare

La Chiesa di Santa Margherita si trova in Via Santa Margherita 18, Bisceglie (BT). Le indicazioni per raggiungerla sono reperibili cliccando qui.

Informazioni e orari

La struttura osserva i seguenti orari:

  • Da giugno a settembre, è aperta tutti i sabati dalle 18 alle 20. La visita è libera;
  • Da ottobre le visite saranno a cura degli Apprendisti Ciceroni ® del FAI;

È possibile effettuare visite in altri giorni e altri orari, dando almeno due giorni di preavviso.Basta scrivere a delegazionefai.andria@fondoambiente.it o chiamare il  328 6515303.

Per contattare la struttura rivolgersi alla Segreteria Regionale FAI Puglia. Il numero di telefono è 338 1534204  e gli orari sono da lunedì a venerdì dalle 14 alle 20.  L’email per eventuali comunicazioni è segreteriafaipuglia@fondoambiente.it. Per ulteriori informazioni visitare il sito http://www.visitfai.it/chiesasantamaria/

Fonte foto copertina: Visitfai.it