Il vaccino trivalente protegge da morbillo, parotite e rosolia, vediamo quando bisogna farlo e perché è importante.

Il vaccino trivalente è anche chiamato vaccino anti morbillo-parotite-rosolia perché protegge proprio da queste tre malattie di origine infettiva. Quando ci si riferisce al vaccino trivalente si parla di MPR, il vaccino MPRV, invece, anche detto quadrivalente, è quello che comprende anche il vaccino per la varicella. Vediamo a cosa serve questo vaccino e quando bisogna farlo.

Vaccino trivalente: cosa comprende

Il vaccino trivalente MPR protegge da morbillo, parotite e rosolia. Ha un’efficacia del 98-99% con la somministrazione di entrambe le dosi e l’immunità dura per tutta la vita. Il morbillo è una malattia di origine virale che si trasmette per via aerea e si manifesta con febbre e un’eruzione cutanea che si diffonde per tutto il corpo. Il morbillo può generare complicanze, soprattutto quando interessa la fascia di età inferiore a 5 anni, e quella degli adulti (da vent’anni in su). Inoltre, morbillo e rosolia sono anche le infezioni più pericolose in gravidanza che possono portare a rischio di aborto spontaneo o parto pretermine.

Vaccino per bambini
Vaccino per bambini

La parotite, anche conosciuta come orecchioni, è anch’essa una malattia infettiva di origine virale. La caratteristica più evidente di questa malattia è il gonfiore che si verifica a carico delle parotidi (un tipo di ghiandole salivari). La rosolia viene causata dal Rubivirus e si presenta con un’esantema che parte dal viso per poi diffondersi anche al collo.

MPR vaccino: quando farlo?

La somministrazione della vaccinazione trivalente avviene durante il secondo anno di vita e fa parte delle vaccinazioni obbligatorie e gratuite nel nostro paese. Il Ministero della Salute raccomanda la prima dose tra il 13esimo e il 15esimo mese di vita. In questo stesso periodo viene anche raccomandando il vaccino per la varicella, che può essere somministrato come vaccino monovalente, o come combinato quadrivalente.

Il vaccino trivalente prevede anche un richiamo da somministrare tra i 5 e i 6 anni di età. Il richiamo può essere somministrato anche contemporaneamente al richiamo per difterite, pertosse, tetano e poliomielite. Il vaccino può essere somministrato anche agli adulti nel caso in cui non abbiano contratto la malattia e non abbiano effettuato ancora la vaccinazione. È importante però sottolineare che il vaccino è controindicato in gravidanza.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 25-11-2021


Origine e significato di tanti nomi con la F (maschili e femminili)

Bomboniere comunione fai da te: idee creative da cui prendere spunto