Trasferimento negli uffici di terra il comandante Gregorio de Falco

Gregorio de Falco, il comandante che aveva intinato a Schettino: “Salga a bordo”, è stato trasferito dal mare alla terra. Convinto di essere vittima del mobbing.

chiudi

Caricamento Player...

C’è molta amarezza nello sguardo del comandante Gregorio de Falco quando gli comunicano che, dal mare, sarà trasferito negli uffici di terra.

“Mi hanno appena detto che dovrò lasciare il servizio operazioni e sarò destinato ad un ufficio amministrativo – dice sconfortato de Falco-. Sono amareggiato, ma sono un militare e dunque eseguo gli ordini”.


Poi, ripensando a ciò che gli sta accadendo, de Falco, l’uomo della telefonata al comandante Schettino, che fece il giro del mondo e salvò l’onore della marineria italiana, decide di lottare. E annuncia:

“Eseguirò gli ordini, ma sono convinto di essere vittima del mobbing. Dunque valuterò azioni legali. Il nuovo incarico che mi hanno assegnato cancella in un attimo dieci anni della mia vita e della mia professione. Ho lavorato in un’area operativa e, nell’ultimo anno, con funzioni di comando. È come se un insegnante, innamorato di didattica e pedagogia che ha dimostrato la propria competenza, venisse all’improvviso trasferito in un ufficio amministrativo”.

E il nuovo incarico, controllo di gestione e relazioni esterne, non ha un grande appeal su de Falco.

Alla Capitaneria di porto di Livorno lo giudicano un luogo per pre-pensionati o principianti. 
È uno sfogo dal sapore di un addio, quello del comandante de Falco. Lui ribadisce il suo amore per il mare e la carriera militare, ma niente esclude:

“Non voglio dismettere la divisa – spiega de Falco- È una delle ragioni della mia vita. Adesso però sono costretto a pensarci. Vedremo che cosa accadrà. Non chiedetemi altro, per favore”.


Eppure dietro il trasferimento del comandante sembra ci sia tanto di più di un semplice atto burocratico. Anche perché Gregorio de Falco, 49 anni, l’unico ufficiale che quella notte da incubo si era esposto di persona per cercare di salvare uomini e mezzi del naufragio più vergognoso della storia, doveva essere nominato comandante di una Capitaneria.

Il documento-beffa contro de Falco è stato firmato da Ilarione Dell’Anna, già responsabile della Capitaneria di porto di Livorno durante il naufragio, promosso e spedito a Roma. De Falco non l’ha mai detto pubblicamente ma tutti sanno che tra lui e l’ammiraglio i rapporti si erano deteriorati dopo la notte del naufragio quando de Falco era diventato, suo malgrado, «capo della Capitaneria» e coordinatore dei soccorsi. Lui di queste cose continua ancora a non voler parlare.

Stavolta, però, sono gli amici a farlo. E sono tanti. Confermano le invidie, gli sgarbi quotidiani, contro quel «magnifico ufficiale» che «ha voluto sempre fare il proprio dovere e per questo è invidiato, osteggiato».

Come quando, da comandante a Santa Margherita Ligure, aveva proibito alle navi da crociera (quasi un tormento del destino) di ormeggiare nell’area protetta di Portofino contro tutto e contro tutti e si mise in contrasto con il comandante della Capitaneria di Genova, Marco Brusco, poi comandante generale del corpo durante la sciagura della Concordia.

Qualcuno ricorda la convocazione al comando generale di Roma, quando de Falco pubblicamente s’espresse favorevolmente su una nuova inchiesta per chiarire la sciagura del Moby Prince.