Due bambini investiti all’uscita da scuola in meno di 2 giorni

Andare a scuola a Palermo può essere rischioso: due bambini investiti da due auto nel volgere di 48 ore.

Due bambini sono stati investiti all’uscita di scuola a Palermo. Il primo è stato investito da un’auto all’ingresso della scuola in via Casalini. Un bimbo di dieci anni, iscritto all’istituto comprensivo Buonarroti, ieri mattina, se l’è cavata con qualche escoriazione e una corsa all’ospedale. Ma Giuseppe di 12 anni, investito lunedì sulle strisce pedonali da un’auto pirata, all’altezza della scuola Piersanti Mattarella di Bonagia, è stato sottoposto a un intervento chirurgico per la frattura di tibia e perone. Due bambini investiti davanti alle scuole nel giro di 48 ore.

Anche andare a scuola, dunque, a Palermo può essere rischioso. Sono tante infatti le richieste che arrivano puntuali all’inizio dell’anno scolastico all’assessorato comunale alla Scuola da parte dei dirigenti per evitare che i bambini vengano investiti. Chiedono la vigilanza della polizia municipale perché l’accesso a scuola si trova in strade molto trafficate, perché si creano problemi alla viabilità a causa degli stessi genitori che pretendono di arrivare con la macchina fino all’ingresso della scuola o perché magari non esiste neppure il marciapiede e gli alluni all’uscita da scuola finiscono direttamente in strada. Con rischio di finire arrotati dalle auto in transito.

Ma è impossibile per i vigili, già sotto organico per tutti i servizi necessari in città, coprire con il servizio di vigilanza tutti i plessi per evitare che i bambini vengano investiti. Quest’anno sono 21, su circa 200 plessi della città, gli istituiti coperti dai vigili negli orari di entrata e di uscita da scuola: 4 direzioni didattiche e 17 istituti comprensivi. Fra questi alcuni plessi davvero pericolosi e sempre più bambini rischiano di venire investiti. Come la Casa del fanciullo in via Messina Marine che fa capo all’istituto comprensivo Renato Guttuso.

Negli ultimi anni i genitori si sono battuti per la sicurezza e alla fine la vigilanza è arrivata. Al momento soltanto all’orario di ingresso. All’uscita niente. C’è anche l’istituto MantegnaBonanno di Boccadifalco con i suoi tre plessi. Quello più a rischio, a detta dei genitori, è la scuola media di piazza Pietro Micca. Ma fra le scuole con l’accesso più pericoloso ci sono anche i plessi di Romagnolo, alcuni di Cruillas e di Borgo Nuovo.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 25-09-2014

Emanuela Bertolone

X