Sunscreen contouring: come scolpire il viso con l’abbronzatura

Sul web spopola una nuova tecnica per scolpire il viso: il sunscreen contouring, ovvero il contouring con l’abbronzatura. Vediamo come farlo e quali sono i pro e contro.

chiudi

Caricamento Player...

È da qualche anno ormai che il contouring è una delle tecniche di make-up più diffuse, insieme alle sue numerose varianti. Tra quest’ultime c’è una novità: il sunscreen contouring, ovvero il contouring realizzato con l’abbronzatura.

Ad idearlo è stato il famoso make-up artist delle star Sir John Barnett, che ha tra le sue clienti la pop star Beyoncé e la modella Chrissy Teigen, entrambe celebri per i loro incarnati perfetti e la pelle ambrata. Grazie alla tecnica di Sir John, è possibile ottenere un contouring a lunga durata, senza la necessità di utilizzare del make-up. Vediamo come si fa!

Come fare il contouring con l’abbronzatura

Per fare il sunscreen contouring è necessario utilizzare due protezioni solari per il viso diverse, una con filtro molto alto o totale e l’altra con filtro più basso. In particolare, Sir John applica su tutto il viso una protezione 15 o 20, per proteggere la pelle dai danni dei raggi solari, e poi solo su alcune zone applica il filtro più alto.

abbronzatura contouring
FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/AZLNzlJda8x1SGyt9J_1c2kyu6fC5yyIjTfLbPjIbetgA4g0bX-yCDE/

Per individuare le zone del viso dove stendere la protezione totale bisogna seguire gli stessi criteri utilizzati nel contouring tradizionale: lì dove si vuole dare luce, si deve applicare il filtro solare alto. In pratica, la protezione alta va messa dove si metterebbe normalmente l’illuminante, ovvero al centro della fronte, sul contorno occhi, sul dorso del naso, sugli zigomi e sul mento. Così facendo, la pelle in questi punti risulterà più chiara rispetto a quella dove è stato applicato il filtro basso.

Contouring con l’abbronzatura: pro e contro

Apparentemente, il sunscreen contouring è un’idea geniale, facilissima da mettere in pratica. In realtà, non mancano i lati negativi. Prima di tutto, se non si stende bene la protezione, si rischia di ottenere un risultato tutt’altro che bello, con chiazze più chiare non uniformi.

In secondo luogo, in caso di pelle chiara le zone con protezione solare bassa potrebbero scottarsi, causando arrossamenti, macchie brune e invecchiamento precoce. Insomma, forse è meglio ricorrere alla cara vecchia terra abbronzante!

FONTE FOTO: https://it.pinterest.com/pin/AZLNzlJda8x1SGyt9J_1c2kyu6fC5yyIjTfLbPjIbetgA4g0bX-yCDE/