Squilibrio ormonale: quali sono i 6 sintomi più diffusi

Squilibrio ormonale: quali sono i sintomi da non sottovalutare?

Dalla pelle acneica al calo del desiderio sessuale: ecco quali sono i sintomi di uno squilibrio ormonale da non sottovalutare!

È molto importante tenere sotto controllo la propria attività ormonale dato che svolge un ruolo importantissimo per la salute sia fisica che mentale. A causa di vari problemi, l’organismo potrebbe subire dei cambiamenti a volte anche minimi. Proprio perché sembrano non essere così gravi che, spesso, vengono sottovalutati. Non esiste errore più grande! Dobbiamo assolutamente saper riconoscere i sintomi di uno squilibrio ormonale, dal momento in cui dovremmo intervenire per poter risolvere il problema.

Squilibro ormonale: i sintomi

Pelle acneica. Uno dei sintomi più frequenti di un problema ormonale potrebbe essere proprio l’acne. Un disturbo abbastanza frequente specialmente quando siamo durante la fase del ciclo mestruale. Eppure, se l’acne diventa persistente e si presenta anche al di fuori delle mestruazioni, potrebbe rappresentare un’alterazione degli androgeni, ovvero gli ormoni maschili. Quest’ultimi stimolano la produzione di sebo.

pelle acneica
Fonte foto: https://pixabay.com/photos/daylight-savings-acne-counseling-3792704/

Avere sempre fame. Va bene la noia e il desiderio di mangiare un dolce fuori pasto, ma avere perennemente fame non dovrebbe essere del tutto normale. È una sensazione che potrebbe, quindi, rappresentare uno squilibrio ormonale.

Secchezza vaginale. Un sintomo da non tralasciare dal momento in cui potrebbe provocare delle vere e proprie infezioni alla vagina! Sarebbe opportuno rivolgersi ad un ginecologo per poter risolvere il prima possibile questo tipo di problema.

Essere sempre stanchi. Dopo una giornata intensa può capitare di sentirsi stanchi, ma quando la stanchezza diventa costante significa che c’è qualcosa che non va. Potrebbe essere un sintomo di carenza dell’ormone tiroideo.

Calo del desiderio sessuale. Un’alterazione ormonale potrebbe ovviamente causare un calo del desiderio. Una situazione abbastanza complicata che bisogna assolutamente risolvere con il proprio ginecologo! Ovviamente, le cause del calo della libido potrebbero anche essere altre…

Depressione. Noi donne sappiamo benissimo quanto siano frequenti gli sbalzi d’umore durante il ciclo mestruale. Tutto potrebbe amplificarsi a causa degli ormoni sballati come accade, infatti, durante la gravidanza o la menopausa. Se ciò, però, avviene al di fuori di questi contesti potrebbe rappresentare qualcosa di più grave, quindi meglio rivolgersi al proprio medico!

Fonte foto: https://pixabay.com/photos/daylight-savings-acne-counseling-3792704/

ultimo aggiornamento: 13-08-2019

X