Sesso anale: sicuri di sapere davvero tutto?

Quando si parla di sesso anale, spesso si va incontro a diversi dubbi che è bene risolvere prima di praticarlo

chiudi

Caricamento Player...

Spesso il sesso anale è scelto in alternativa a quello classico perchè ritenuto più sicuro in caso di gravidanze indesiderate, oppure per provare qualcosa di diverso con il proprio partner. Secondo quanto riporta Cosmopolitan.it, che ha intervistato diversi medici sull’argomento, pare che il sesso anale sia particolarmente piacevole per le donne, perchè si tratta di una zona comunque piena di terminazioni nervose e quindi molto sensibile agli stimoli. Si tratta di una pratica a rischio zero per quanto riguarda le gravidanze indesiderate, ma va comunque affrontata con le giuste precauzioni, il profilattico, per evitare malattie sessualmente trasmissibili che possono passare anche da lì. Bisogna considerare però che non tutte le donne la trovano una pratica eccitante e altre donne non la apprezzerebbero per nulla.

Le controindicazioni da non sottovalutare

Se non si utilizza il preservativo, con il sesso anale si potrebbero trasmettere malattie come il virus HPV, che è un ceppo del papilloma virus che, in campo anale può portare addirittura al cancro.

L’uso del profilattico è di primaria importanza soprattutto se il partner non è sempre lo stesso e quindi non si conduce una vita monogama, in cui si è sicuri al 100% che il partner sia sano.

La Dott.ssa Karen Elizabeth Boyle ha spiegato:

“Un’altra ragione per cui è fare attenzione quando si fa sesso anale è il rischio di infezioni da Escherichia Coli. Ma attraverso i rapporti anali si possono anche contrarre infezioni del tratto urinario, oltre a infezioni intestinali.

Lesioni ripetute e danni causati ai muscoli dell’ano possono anche influire sulla capacità di controllare i movimenti intestinali, arrivando all’incontinenza fecale, ossia l’incapacità di trattenere le feci fino ad arrivare al bagno.” 

Nel caso in cui il preservativo si rompesse, è bene sempre fare uno screening delle malattie sessualmente trasmissibili per essere sicuri di no averne contratte.