Trovato in casa senza vita Salvatore Daniele, il fratello di Pino Daniele che è apparso anche nel primo album del cantautore.

Una scoperta tragica è avvenuta a Napoli: è stato trovato morto Salvatore Daniele, fratello di Pino Daniele. Il fratello del famosissimo cantautore napoletano, mancato nel 2015, aveva 56 anni e abitava a Napoli, nel centro storico. Il “piccolo” Salvatore era profondamente legato al fratello Pino, infatti, all’alba della sua carriera, aveva anche prestato il suo volto per l’album Terra Mia.

La tragica scoperta della morte di Salvatore Daniele e le cause

A trovare il corpo, nella sua casa in via San Giovanni Maggiore Pignatelli, sono stati i carabinieri, come riporta il Mattino, sul posto erano presenti anche il 118, ma non c’è stato nulla da fare. Pare non si conoscano ancora le cause del decesso, anche se da una prima ricostruzione si pensa a un arresto cardiaco. Il fratello minore di Pino Daniele soffriva, infatti, degli stessi problemi del famosissimo cantautore: aveva infatti grossi problemi cardiaci. La casa in cui è stato ritrovato Salvatore è la stessa dove aveva vissuto anche la madre dei due fratelli e dove, entrambi, erano cresciuti.

Il volto di Salvatore Daniele nell’album Terra mia

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Pino Daniele
Pino Daniele

Molto legato al fratello e sempre in prima linea per aiutarlo, da quando Pino aveva iniziato a suonare e sognava di diventare un cantautore conosciuto in tutta Italia. È infatti proprio quello di Salvatore, il volto in bianco e nero stampato sulla copertina di uno dei suoi primissimi album e, anche, tra i più celebri: Terra Mia. L’album è infatti il primo ad essere pubblicato, nel 1977 dalla EMI italiana e racconta, fin dalle prime tracce, la ricerca di fusione tra la musica e la cultura napoletana con il blues.

Tredici tracce per Terra Mia, tutte diventate famose e una pietra miliare per la musica italiana.


Sophie Codegoni ha un flirt con Zaniolo? La madre di lui sbotta: “Stupidaggini”

Intervento per Mara Venier: il nipotino la “rincuora”