Nei soggetti allergici una manifestazione molto comune è la rinite allergica. Vediamo da quali sintomi è caratterizzata e quali cure esistono.

La rinite allergica può anche presentarsi durante tutto l’anno quando è provocata da sostanze estranee sempre presenti come gli acari della polvere o il pelo degli animali. Negli altri casi questo disturbo tende ad essere stagionale e si presenta, quindi, specialmente nei periodi di fioritura in cui si ha la maggiore presenza di polline.

Per i suoi sintomi la rinite allergica viene spesso confusa con un comune raffreddore, specie quando non si è a conoscenza di essere allergici ad alcuni pollini. Vediamo quali sono i sintomi più comuni, le terapie a disposizione e se esistono modi per prevenirla.

Rinite allergica: sintomi

Chi soffre di rinite allergica ha spesso il naso chiuso o che cola, fa frequenti starnuti ed accusa anche prurito agli occhi, al naso (con anche acqua che scende) ed alla gola, talvolta scatenando anche episodi di tosse. Questi sintomi si fanno più evidenti dopo il contatto con l’allergene, ad esempio nel caso di allergia al pelo di animali dopo averli accarezzati.

Allergia Naso Fazzoletto
Ragazza che si soffia il naso

Quando si è allergici al polline i sintomi tendono a concentrarsi nel periodo di fioritura che varia, quindi, da pianta a pianta. In generale, quindi, le manifestazioni hanno il loro picco in primavera e in estate, come succede ad esempio quando si è allergici alle graminacee, mentre negli altri mesi dell’anno tendono a scomparire.

Rinite allergica: terapia e prevenzione

Per distinguere l’allergia dal raffreddore con rinite i sintomi non bastano, visto che le manifestazioni sono molto simili. Per questo motivo è necessario che la diagnosi avvenga attraverso i test allergologici, in questo modo si riesce a identificare con certezza gli allergeni responsabili.

Nel caso dei pollini è difficile evitare l’esposizione, per questo motivo l’unica cosa che si può fare è ridurre i disturbi attraverso farmaci, perlopiù antistaminici. Anche i lavaggi nasali possono aiutare ad alleviare i sintomi. Se, invece, si è allergici agli acari della polvere è possibile ridurre l’allergia arieggiando spesso gli ambienti domestici e pulendo in modo da rimuovere gli acari, ad esempio usando degli aspirapolvere con filtro Hepa. Anche in questo caso per ridurre i sintomi provocati dal disturbo si ricorre agli antistaminici.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/allergia-freddo-malattia-influenza-18656/


Pelle sensibile? No problem! Scopri la depilazione con il filo arabo

Tutto quello che bisogna sapere sull’allergia al polline