Respirazione anti ansia

Quando l’agitazione supera una certa soglia è possibile ritrovare la calma con un adeguato esercizio di respirazione.

chiudi

Caricamento Player...

Gli attacchi d’ansia sono frequenti nelle persone particolarmente emotive, ma possono presentarsi anche in soggetti meno predisposti quando si è sottoposti a momenti di stress psicofisico. In questi casi, per ritrovare la lucidità può bastare una respirazione più consapevole.

La respirazione anti ansia

Si tratta di una respirazione che può essere praticata ovunque, senza bisogno di specifiche abilità. È ideale per dare un sollievo immediato dall’ansia. Fate un respiro profondo, contate mentalmente a ritroso da 30 a 1, lasciando che ogni numero coincida con il momento dell’emissione dell’aria dal naso. Questo esercizio, se praticato in modo corretto, diminuisce immediatamente tensione, palpitazione e tremori favorendo il rilassamento.

È bene sapere che la respirazione rappresenta la prima medicina alla quale ci possiamo affidare in caso di stati di ansia. Imparare a respirare bene vuol dire infatti a tornare a utilizzare le nostre migliori facoltà, per dare una migliore ossigenazione al cervello e per rilassarsi.

Le antiche pratiche orientali ci insegnano a utilizzare il respiro in modo ottimale proprio per recuperare la centratura della nostra mente e del nostro corpo. Respirare bene significa avere una mente più lucida e imparare a controllare l’ansia che assale nei momenti critici. La migliore respirazione per ottenere questo status è quella diaframmatica: il diaframma interviene nella stabilizzazione della colonna vertebrale e del bacino migliorando la postura del nostro corpo. Durante la respirazione si contrae, si abbassa durante l’inspirazione e su decontrae nella successiva fase di espirazione. Allenando il diaframma, quindi, consentiamo al nostro corpo di essere più stabile.

Nella respirazione diaframmatica si inspira inspirando col naso, si chiude la bocca e si trattiene il fiato. Subito si comprime l’aria inspirata col diaframma, spingendolo verso il basso. Poi si espiro con la bocca molto lentamente. Questa pratica è molto forte e serve per ristabilire un equilibrio importantissimo psicofisico in grado di insegnarci a controllare gli stati d’ansia.