Quanto olio di canapa usare per impacco capelli

Scopriamo quanto olio di canapa usare per impacco capelli e renderli piacevolmente morbidi e setosi.

chiudi

Caricamento Player...

L’olio di canapa è ricco di proprietà benefiche per la cura del viso e del corpo, ed è largamente usato anche nella cura delle chiome: imparando quanto olio di canapa usare per impacco capelli ci aiuterà a far sì che la nostra capigliatura sia favolosamente lucida e ben nutrita grazie a un prodotto del tutto naturale. Vediamo insieme come impiegarlo nella maniera più corretta.

Dovete sapere che l’olio di canapa può essere usato giornalmente sul cuoio capelluto affetto da dermatiti o che produce sebo in maniera eccessiva, per eliminare la crosta lattea e combattere l’insorgenza della forfora, oppure anche per dare nuova vita ai capelli secchi e danneggiati da agenti esterni troppo aggressivi oppure stressati dal calore intenso di piastre phon e arricciacapelli.

Ricco di vitamina E ed antiossidanti naturali, l’olio di canapa rimuove l’eccesso di sebo, protegge i follicoli ed è un ottimo stimolatore di crescita. La presenza di acidi grassi omega 3 omega 6 e omega 9  e di acido linoleico risultano emollienti e nutrienti per la capigliatura.

Per un impacco ai capelli con l’olio di canapa, dobbiamo applicarne sui capelli umidi la quantità equivalente a due cucchiai da tavola: ovviamente se i capelli sono molto lunghi dovremo aumentare la dose: massaggiamolo sulla cute aiutandoci coi polpastrelli, e dopo lasciamo le chiome in posa per un quarto d’ora con questo trattamento avvolgendole in un asciugamano pulito.

Fatto questo, procediamo al normale lavaggio con shampoo e balsamo specifici per la nostra tipologia di chioma.

I risultati si potranno toccare con mano già dopo l’asciugatura, e noi saremo orgogliosi di esibire finalmente le nostre chiome perfettamente nutrite e idratate, e rese ancor più lucenti e setose grazie ai favolosi effetti benefici dell’olio di canapa.