Quanto costano i pannelli solari? Il MiTe introduce il modello unico semplificato per agevolare l’installazione da parte degli italiani.

Anche se l’installazione dei pannelli fotovoltaici sono aumentati rispetto allo scorso anno, quasi tutti gli italiani sono ancora lontani da questo nuovo modo di generare energia elettrica. Fino ad oggi, almeno, questa era la realtà dei fatti. Le cose, però, potrebbero cambiare perché il Ministero della transizione ecologica (MiTe) ha introdotto il modello unico semplificato. Vediamo quanto costano i pannelli solari.

Quanto costano i pannelli solari?

Il MiTe, oltre alle limitazioni per il consumo del gas, ha firmato il decreto per agevolare l’installazione degli impianti fotovoltaici nelle case degli italiani. Fino ad oggi il modello unico semplificato era in vigore solo per gli impianti fino a 50 Kw, mentre adesso lo si potrà utilizzare fino a 200 Kw. In questo modo, il Ministero della transizione ecologica spera che la popolazione decida di aderire in massa, o quasi, a questa nuova forma di energia elettrica.

Si stima che per recuperare i costi di installazione si possano impiegare circa 7/8 anni. La domanda, quindi, sorge spontanea: quanto costano i pannelli solari? Partendo dal presupposto che molto dipende dal materiale che si sceglie e dalla ditta incaricata ai lavori, secondo Il Corriere della Sera la cifra va da 5 mila a 7 mila euro. Stando a quanto sostiene Sorgenia, “il costo del fotovoltaico varia dai 2500 ai 3500 euro per kWp (chilowatt di picco) di potenza. Le case necessitano di un impianto di almeno 3 kWh“. Pertanto, il costo di un impianto di questo tipo è sceso parecchio rispetto al passato.

Pannelli solari, tanti pro e pochi contro: si risparmia e si aiuta l’ambiente

L’installazione dei pannelli solari non richiede molto tempo. Ovviamente, questo varia soprattutto in base alla grandezza dell’edificio in oggetto. Generalmente, bastano pochi giorni di lavoro. Il primo punto a favore di un impianto fotovoltaico, però, è il risparmio: dal 55% al 70% sul prezzo della bolletta. A questi pro, è necessario aggiungere il modello unico semplificato, che va ad abbattere la tanto odiata burocrazia. Infine, dettaglio non meno significativo, si aiuta l’ambiente, messo sempre più in ginocchio dalla follia umana.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 06-09-2022


Spopola in Italia l’app social BeReal: cos’è e come funziona?

TeraPiù: l’app nata per migliorare la gestione della terapia