A cosa può essere dovuto il prurito in gravidanza che interessa la pancia e il seno? E quando invece si parla di prurito intimo?

Durante il periodo della gestazione il corpo della futura mamma si trasforma, è normale quindi assistere a molti cambiamenti. La nascita di un bimbo è un processo fisiologico, ma nei mesi che precedono il parto è anche molto comune avere diversi disturbi, tra cui il prurito in gravidanza.

Molto spesso la sensazione di prurito che si avverte si concentra sulle aeree dell’addome e del seno ed è dovuta proprio alla trasformazione che il corpo subisce in preparazione al parto. In altri casi, invece, possono intervenire altri fattori e il prurito può essere semplicemente dovuto all’avere la pelle troppo secca ed essere, quindi, indipendente dallo stato della donna. Vediamo quali sono le condizioni che ci si trova più comunemente ad affrontare.

Prurito alla pancia in gravidanza

Molte donne in attesa della nascita del proprio bimbo devono fare i conti con i cambiamenti ormonali che si avvicendano nel loro organismo. Tra questi c’è sicuramente una variazione degli estrogeni che vanno a modificare anche le condizioni della pelle. Soprattutto con l’avanzare della gravidanza la pelle della pancia viene sottoposta a grande stress perché si tende man mano che il volume del pancione aumenta.

Donna in gravidanza mani al seno
Donna in gravidanza mani al seno

Per questo non c’è da preoccuparsi se la sensazione di prurito si presenta nel terzo trimestre di gravidanza. Un’altra circostanza abbastanza comune è quella di accusare prurito al seno in gravidanza, anche in questo caso la sensazione di pizzicore può essere determinata dal semplice fatto che la pelle del seno è più tesa del normale. Solitamente, quindi, questa sensazione di prurito sarà circoscritta solo al periodo della gestazione e scomparirà da sola dopo il parto.

Prurito intimo in gravidanza

Quando si è incinte i cambiamenti ormonali possono provocare degli squilibri della flora vaginale. Per questo motivo è bene fare attenzione alla possibile insorgenza di infezioni in questo periodo delicato. Tra le più frequenti ci sono la candida, ovvero un tipo di infezione micotica, e le vaginiti causate da infezioni batteriche.

prurito intimo femminile
prurito intimo femminile

In caso di prurito vaginale in gravidanza bisogna rivolgersi al ginecologo per capire se si tratta di un’infezione e in tal caso seguire le indicazioni del medico sul tipo di terapia da seguire. Per prevenire le infezioni resta fondamentale la buona igiene intima, ma senza esagerare. Lavaggi eccessivi, infatti, potrebbero alterare l’equilibrio della flora e avere un effetto controproducente.


È sicuro mangiare la liquirizia in gravidanza?

Secca o grassa? I rimedi naturali per la tosse in gravidanza