Quali sono le posizioni per dormire che ci permettono di avere un sonno ristoratore ed evitare fastidi e dolori al mattino?

Come saprete già bene esistono diverse posizioni per dormire, ognuno di noi assume quella a cui si è abituato, ma non sempre la posizione per noi più familiare è davvero quella corretta. Partiamo dall’assunto che non esiste la posizione corretta per dormire in senso assoluto, ma bisognerà tenere in considerazione vari fattori.

Per questo motivo, in alcuni casi la posizione più adatta potrebbe essere quella supina, mentre in altre circostanze è meglio preferire quella in cui si è sdraiati su un fianco. Vediamo cosa cambia da una posizione all’altra e qual è la postura corretta per dormire di caso in caso.

Posizioni migliori per dormire: la posizione supina

Tra tutte le posizioni per dormire, per il mal di schiena la più adatta è sicuramente quella supina, ovvero a pancia in su. In questa posizione, infatti, tutto il corpo è in linea e viene così mantenuta la curva naturale della colonna vertebrale.

Ragazza che dorme a pancia in su
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/ragazza-letto-camera-sogno-4980311/

La posizione supina è, quindi, adatta per ridurre i dolori a schiena, collo e testa, ma per essere efficace bisogna seguire alcune regole. Per mantenere il corpo in linea, è infatti importante valutare l’altezza del cuscino: usare un guanciale troppo alto o troppo basso significherebbe sforzare per tutta la notte i muscoli del collo. Ci sono casi, però, in cui dormire a pancia in su è sconsigliato, ad esempio chi soffre di episodi di apnee notturne dovrebbe evitare questa posizione. Vediamo, quindi, le alternative per dormire bene.

Come dormire: la posizione sul fianco

Tra le posizioni del sonno più adottate c’è sicuramente quella sul fianco, ma quale lato è meglio scegliere? Da uno studio pubblicato nel 2015 sul Journal of Clinical Gastroenterology, è emerso che dormire sul fianco sinistro riduce il reflusso gastroesofageo. In presenza di questo disturbo, oltre alla posizione bisogna anche prestare attenzione a tenere il capo abbastanza sollevato rispetto al resto del corpo.

Dormire bene
Dormire bene

D’altra parte anche dormire sul fianco destro può apportare benefici in alcune circostanze particolari. Si tratta, infatti, della posizione più indicata per chi russa durante il sonno e per evitare proprio l’apnea notturna che tende a intensificarsi quando si dorme a pancia in su.


Tosse da reflusso: cos’è e come curarla (anche in maniera naturale)

Quando l’eccesso di vitamine è dannoso: l’ipervitaminosi e le sue conseguenze