Il Pixie Bob è un gatto molto particolare. Ecco cosa c’è da sapere sul suo carattere e su come mantenerlo.

Il Pixie bob deve il suo nome ad un mix tra quello del primo micio di questa razza ed il Bobcat con cui condivide diversi geni. Si tratta di un gatto domestico originario degli Stati Uniti e nel cui DNA pare ci sia anche quello delle linci rosse. Ciò nonostante, rientra a pieno titoli tra i gatti domestici.
Tra le altre cose è famoso per avere fino a 7 dita per zampetta. Particolarità alla quale si associa anche una coda più corta del normale.

Pixie Bob: carattere e particolarità

Come già accennato, il Pixie bob ha tra le tante particolarità quella di essere un gatto americano e polidattilo.

pixie bob
pixie bob

Nonostante l’aspetto esotico e la discendenza, dal punto di vista del carattere si tratta di un esemplare molto socievole e per questo adatto alla vita in appartamento.
Estremamente intelligente, ha un buon modo di porsi con gli altri e se ben educato tende ad andare d’accordo anche con gli estranei.
Ama molto la vita domestica, motivo per cui non ha particolari esigenze e si rivela un gatto molto adatto alle famiglie con bambini. Con i più piccoli, infatti, si mostra dolce e tranquillo.

Secondo alcuni, la fedeltà e l’affetto verso la propria famiglia lo rendono un gatto per certi versi simile ad un cane. Ciò nonostante il Pixie Bob come gatto sa essere anche indipendente. E questo sebbene abbia comunque bisogno di affetto e di attenzioni.

Pixie Bob: prezzo e costi di mantenimento

Questa particolare razza ha un costo d’acquisto che si aggira tra i 900 e i 1300 euro. Il prezzo varia, come spesso avviene, in base alle caratteristiche dell’esemplare scelto.
Sebbene goda tendenzialmente di buona salute, può andare incontro a problemi alla colonna vertebrale o all’intestino. È quindi molto importante tenere in conto anche qualche visita di controllo in più dal veterinario.

A tutto ciò andranno poi aggiunte le spese per l’alimentazione e per i giochi. Quanto alla toelettatura, sia per quelli a pelo corto che per quelli a pelo lungo è sufficiente spazzolarlo una o due volte a settimana. Cosa che si può fare anche a casa evitando così ulteriori spese.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-03-2022


Karina Cascella, i suoi cani: da Millie a Polpetta, ecco quanti ne ha (e come si chiamano)

Griffoncino di Bruxelles: tutto quel che c’è da sapere su questa razza