Periodo refrattario: che cos’è, quanto dura e le differenze fra uomo e donna!

Il periodo refrattario è quel momento che segue l’orgasmo, un tempo fisiologico in cui non si prova piacere e che cambia dalla donna all’uomo.

Certo cambia da persona a persona, ma il periodo refrattario è quel momento in cui il desiderio sessuale è praticamente azzerato, e che capita dopo il raggiungimento di un orgasmo. Esistono però delle differenze, specialmente se parliamo di uomini e donne, ma anche da persona a persona. Scopriamone di più!

Che cos’è il periodo refrattario nell’uomo

Se parliamo di sesso, il periodo refrattario non è altro che quel momento fisiologico che sopraggiunge dopo l’orgasmo. In questo periodo di tempo avviene il rilascio nell’organismo di ossitocina e prolattina: la prima diminuisce il testosterone, mentre la seconda inibisce in maniera temporanea il rilascio della dopamina. In poche parole la libido cala drasticamente, e con questa il desiderio sessuale.

Sesso mani
Sesso mani

Questa parola viene associata specialmente agli uomini, perché dopo l’eiaculazione entrano necessariamente in questa condizione. L’uomo perde ogni interesse, il pene non risponde alla stimolazione e dunque non è in grado di raggiungere l’erezione, e tutto questo per un periodo che può arrivare anche fino a un’ora, se non di più.

Qui, chiaramente, entra in gioco la soggettività: ci sono uomini a cui basta un quarto d’ora, altri che hanno bisogno di più tempo, e ci sono anche casi in cui si verificano due eiaculazioni di fila: difficile ma non impossibile! Tutto dipende dalla potenza dello stimolo sessuale…

Che cos’è il periodo refrattario nella donna

Il tempo refrattario post orgasmico nelle donne, invece, è tutto un altro paio di maniche. Le donne infatti hanno un rapporto completamente diverso con questo momento e l’orgasmo femminile è differente da quello dell’uomo.

Innanzitutto, partiamo con il dire che a differenza dell’uomo, nelle donne non avviene necessariamente un periodo refrattario dopo il sesso: la donna può anche raggiungere due orgasmi di fila oppure intraprendere un nuovo rapporto sessuale subito dopo averne terminato uno (e aver raggiunto l’orgasmo).

Anche qui, insomma, dipende dal soggetto: può accadere che si perda interesse dopo uno o più orgasmi, ma può anche succedere di no!

ultimo aggiornamento: 09-05-2019

X