Il parto prematuro si verifica quando avviene prima della 37esima settimana di gravidanza, ma da cosa è causato e quali rischi comporta?

Con il termine parto prematuro o pretermine si indicano le gravidanza che giungono a termine prima del completamento della 37esima settimana. L’insorgenza avviene in maniera spontanea nell’80% dei casi di parto pretermine, tuttavia le cause non sono state ancora ben definite. Sembra, infatti, che ad aumentare il rischio ci sia un quadro più complesso, dovuto a diversi fattori.Vediamo quindi in quali casi si parla di parto prematuro, quando può avvenire e quali sono i fattori di rischio.

Parto prematuro: quando avviene?

Si possono riconoscere diverse situazioni di parto prematuro, in base al periodo in cui avviene: tardivo, precoce ed estremamente precoce.

Bambina appena nata
Bambina appena nata

Quello che si verifica nella maggior parte dei casi (circa l’85%), è definito tardivo. In questo caso il parto avviene tra la 32esima e la fine della 36esima settimana.

Il parto prematuro precoce, invece, si verifica in circa il 10% dei casi totali di parti prematuri. Questo avviene nel periodo che va tra la 24esima e la fine della 31esima settimana. Infine, in situazioni più rare, circa il 5% di tutti i casi di parto pretermine, il parto avviene prima della fine della 23esima settimana e si definisce estremamente precoce.

Parto prematuro: le cause

Le cause vere e proprie che portano al parto pretermine non sono state riconosciute, e sembra che ci siano più fattori in grado di rivestire una certa influenza sul verificarsi di questo evento.

Tra i più comuni fattori di rischio presenti negli episodi di parto prematuro ci sono le cause infettive che interessano i tratti urogenitali e anche le infezioni intrauterine.

Neonato prematuro in incubatrice
Neonato prematuro in incubatrice

Il rischio è aumentato anche dal fumo (passivo ma non solo) di sigaretta, nonostante i meccanismi responsabili di questa correlazione non siano ancora chiari. Esiste anche un legame tra lo stress, soprattutto quello cronico, e la probabilità di incorrere nel parto pretermine.

Un’alimentazione scorretta nella donna può aumentare il rischio di parto pretermine: in particolare l’associazione aumenta nel caso in cui la gestante sia in condizioni di grave magrezza o sottopeso (con indice di massa corporea, BMI <18). Visto che le cause non sono ben note è anche difficile individuare con precisione i sintomi di parto prematuro.

Alcuni segni che sono spesso associati al parto pretermine sono la presenza di contrazioni particolarmente dolorose e un aumento delle perdite vaginali. Inoltre, si presenta anche comunemente una sensazione di pressione al basso ventre e la presenza di dolore lombare. Questi sintomi sono, però, frequenti anche nei casi in cui la gravidanza procede normalmente, e questo rende, perciò, difficile individuare l’insorgenza del travaglio prima del termine.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Secondo trimestre di gravidanza: come cambia il corpo e come abituarsi

Come prepararsi ad affrontare il terzo trimestre di gravidanza