Parabeni naturali

Se esistono in natura, i parabeni sono davvero dannosi?

chiudi

Caricamento Player...

I parabeni naturali esistono: sono presenti per lo più nella pianta di mirtillo e di vaniglia, nonché in una decina di altre specie. Sono presenti inoltre in alcuni derivati di origine naturale come l’olio di cocco e di palma.

Parabeni naturali: che funzione svolgono nelle piante?

I parabeni sono prodotti da alcuni tipi di piante per tener lontani parassiti e animali erbivori: soltanto alcune specie di animali infatti riescono a digerire le piante che producono parabeni naturali.
Nei mirtilli il metil parabene svolge una forte azione antimicrobica che contribuisce ad aumentare le proprietà benefiche di questa pianta.

I parabeni normalmente presenti nei cosmetici

I parabeni utilizzati dall’industria cosmetica sono essenzialmente composti chimici sintetici talvolta identici, altre volte leggermente differenti rispetto ai composti naturali. Il motivo per cui si preferisce produrre in laboratorio la maggior parte delle sostanze che contribuiscono alla formulazione di un prodotto cosmetico è che questo tipo di procedimento risulta molto meno costoso dell’estrazione delle stesse sostanze da elementi naturali.
Nei prodotti cosmetici o di cura per il corpo (saponi, bagnoschiuma, shampoo) i parabeni sintetici svolgono un’azione antibatterica e antimicotica, agendo pertanto come conservanti che impediscono il rapido deperimento del prodotto.
Una funzione molto simile viene svolta dai parabeni nell’ambito della conservazione di prodotti alimentari (nella preparazione dei quali è attualmente vietato l’uso di parabeni E216 ed E217).
A seguito di una ricerca medica inglese che mise in relazione l’utilizzo continuativo di deodoranti con parabeni allo sviluppo del cancro al seno, dal 2004 in poi molte aziende hanno smesso di utilizzare i parabeni nella formulazione dei prodotti immessi sul mercato. Allo stato attuale delle cose nuovi studi hanno smentito la relazione tra il cancro al seno e l’uso continuato di prodotti contenenti parabeni ma l’allarme che si è diffuso nell’opinione pubblica non è ancora rientrato.