Raggiungere l’orgasmo vaginale non è quasi mai facile per una donna, ma avete mai considerato che probabilmente non è possibile perché non esiste?

Non tutte le donne riescono a raggiungere l’orgasmo vaginale, anzi, ben poche, in molte necessitano di uno stimolo clitorideo oltre alla penetrazione per raggiungere il piacere più assoluto. Questo spesso può portare a una situazione di disagio femminile, e di conseguenza, sono molte le donne che per sentirsi “normali” e non deludere il partner, fingono l’orgasmo. Ma forse c’è qualcosa che dovreste sapere a riguardo…

Se da un lato esistono tantissimi studi, blog, opinioni e quant’altro che promettono alle donne di riuscire a raggiungere quel tipo di piacere, oramai da tempo si sono diffusi altrettanti studi che dimostrerebbero… che l’orgasmo vaginale non esiste. Avete capito bene: siete curiosi di scoprire come questo dato cambierà o meno la vostra concezione del sesso? Allora seguiteci

L’orgasmo vaginale non esiste

Molti studiosi hanno spiegato come la vagina sia un organo interno, responsabile solamente della riproduzione, e che la sua struttura anatomica non è costruita in modo tale da poter provocare un orgasmo. Per questo molte donne non riescono a venire tramite la semplice penetrazione.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Sesso in piedi
Sesso in piedi

Le donne, invece, che riescono a raggiungere l’orgasmo con la penetrazione, non sanno che in realtà questo proviene comunque dalla stimolazione di tutti quegli organi erettili della vulva. Parliamo dunque di clitoride e piccole labbra.

Dunque, quando parliamo di orgasmo vaginale, orgasmo clitorideo e quant’altro, in realtà dovremmo fare un passo indietro e parlare semplicemente di orgasmo femminile.

Come rendere più accessibile l’orgasmo vaginale?

Siete sconvolti? Beh, non temete. Questo non vuol dire che se non avete mai raggiunto l’orgasmo, siete destinate a una vita senza piacere. Anzi, tutte possono raggiungerlo, anche alla luce di questa scoperta. Come? Vediamolo subito.

Innanzitutto dovrete impegnarvi in un percorso che richiede allenamento, pratica, e anche fatica: dovrete imparare ad ascoltare il vostro corpo, conoscervi meglio, capirvi, e poi far in modo che anche il vostro partner vi segua in questo viaggio alla riscoperta di voi stesse.

Come iniziare? Sicuramente con la masturbazione capirete molte cose: allenatevi con un sex toy leggermente ricurvo o praticare i famosi esercizi di Kegel, una serie di piccoli movimenti che rinforzerebbero i muscoli vaginali e aiuterebbero nel raggiungimento dell’orgasmo.

Con lui, invece, potrebbe valere la pena provare la posizione del doggy style, che è la posizione migliore se una donna desidera stimolare al massimo il punto G.

Anche stare sopra può essere una buona scelta: in questo modo regolerete voi i movimenti, l’intensità e la profondità della penetrazione, e potrete così studiare qual è il punto giusto che va stimolato.

Infine, usate le dita, sia le sue che le vostre, per stimolare clitoride e labbra. Anche perché adesso che avete scoperto che le dimensioni non contano… non avete più scuse!


10 motivi (che forse non immaginavi) per cui gli uomini adorano il seno delle donne

Dirty talk: parlare sporco durante il sesso può eccitare!