Nuovi libri da leggere ad Aprile

Due libri interessanti per arricchire la biblioteca nella primavera 2016

chiudi

Caricamento Player...

Nuovi libri da leggere ad Aprile: due autrici ci conducono attraverso l’analisi dei rapporti interpersonali e in particolare dei rapporti d’amore. Eros e thanatos sono le pulsioni da cui prendono le mosse le trame di “Insieme a te” di Sylvia Day e “Essere vivi” di Cristina Comencini.

L’ultimo libro della serie Crossfire, campione di vendite negli Stati Uniti

Insieme a te” è la conclusione della fortunata serie di romanzi di Sylvia Day, autrice statunitense di origini asiatiche. Quella che originariamente doveva svilupparsi in una trilogia è diventata una serie di cinque libri che, cominciata nel 2012, ha tenuto avvinte milioni di lettrici alle vicissitudini amorose di Gideon Cross ed Eva Tramell. I protagonisti hanno vissuto una tormentata storia di passione e di reciproco amore che, culminato in un matrimonio. Nel quinto libro è la protagonista femminile a dover mostrare la propria forza d’animo e ad affrontare con le sole proprie risorse le difficoltà che ancora una volta si frappongono tra la coppia e la felicità. Romanzi avvincenti, che corrono sulla linea febbrile del romanzo erotico senza rinunciare ad una trama articolata, i libri di The Crossfire Series sono editi da Mondadori.

Nuovi libri da leggere ad Aprile: “Essere vivi” di Cristina Comencini

Cristina Comencini, figlia del celeberrimo regista, ha cominciato a scrivere racconti fin dai tempi dell’università. Dal 1991 ne ha fatto un lavoro, con la pubblicazione del suo primo libro “Le Pagine Strappate”, edito da Feltrinelli. Sarà invece Einaudi a pubblicare, il 19 di questo Aprile “Essere vivi”. L’ultimo romanzo della Comencini si incentra sulla vita di una donna, Caterina, osservata dalla doppia prospettiva della sua infanzia e della sua maturità. A traghettare Caterina dall’una all’altra fase della sua vita è la figura imponente di sua madre adottiva il cui corpo giace ad un certo punto della storia, su un letto d’albergo, accanto a quello del compagno della donna.
I figli dei due, Caterina e Daniele, scopriranno a quel punto di avere in comune molto più che la drammatica morte dei propri genitori e riceveranno l’uno dall’altra una nuova visione delle cose, che li indurrà a ripensare l’intera esistenza.