Museo Guttuso: la storia

Dal 26 dicembre riapre il museo di Villa Cattolica

chiudi

Caricamento Player...

Uno degli artisti più rappresentativi del novecento; nelle sue opere si sente  la voce, la denuncia, la descrizione della società e delle sue controversie. Il museo Guttuso che ospita l’opera del maestro Renato Guttuso più una serie di altre espressioni artistiche dei principali maestri del novecento riapre e raccoglie già moltissimi visitatori. Noi vi sveliamo tutto: la storia, la collezione e alcune curiosità interessanti.

Museo Guttuso: storia e curiosità ella Villa Cattolica

Una villa di eccezionale bellezza che solo dal 1973 è stata trasformata in proprietà pubblica e  Civica Galleria d’Arte moderna e contemporanea di Bagheria. Proprio a partire da questa data iniziano le donazioni dell’artista raggiungendo un totale di quasi 1500 opere di altissimo valore:

  • 50 dipinti
  •  60 disegni del pittore bagherese dal 1924, fino al 1986.
  •  l’Edicola, l’unica sua scultura (del 1965).
  • Opere della sua collezione privata; ovvero 70 dipinti, 8 sculture, 30 disegni dei protagonisti del XX secolo.

Interessante anche la storia dietro la  villa.

Un’antica masseria fortificata con torre e baglio, bellissima ed imponente passa dalle mani di una famiglia borghese ai Padri Carmelitani di Palermo, quindi alla famiglia Bonanno che l’acquista nel 1736 per adibirla a residenza estiva.

Resta di proprietà della famiglia fino al XIX secolo, con la decaduta della famiglia.

Nella seconda metà dell’Ottocento cambiano gli usi della residenza:  ricovero durante un’epidemia del colera e caserma delle truppe borboniche di stanza a Bagheria. Poi, finisce nelle mani  di Gioacchino Scaduto, che la usa da abitazione e sede di uno stabilimento per conserve alimentari.

Dal 1948 diviene una fabbrica di cosmetici. Negli anni Sessanta vi si producono limoni.

Dal 1973 diviene di uso pubblico e nasce la Civica Galleria d’Arte moderna e contemporanea di Bagheria.

In questa date inizia la donazione del maestro Guttuso fino a portarla allo splendore di oggi, dopo il restauro recente infatti, la villa è tornata a mostrare la sua bellezza, invitando ad osservarne l’interno.

 

Fonte immagine: https://www.facebook.com/museoguttuso/