Migliori marchi di abiti a quadretti

Gli stilisti amanti del tartan

chiudi

Caricamento Player...

Nasce come tessuto della tradizione irlandese, simbolo dei vari clan rappresentati da diversi tipi di kilt. Oggi, è il nome dato alla tipica fantasia a quadri facile da trovare soprattutto su gonne e camicie. Ma i designer di tutto il mondo si sono spinti oltre, dando vita a elegantissimi vestiti interamente in tartan che rivisitano lo stile grunge del pattern a quadri in chiave raffinata. Basta quindi un’occhiata alle passerelle internazionali per scoprire i migliori marchi di abiti a quadretti e i look a cui ispirarsi.

Il passato prende vita

Di diretta ispirazione storica è la collezione Vestiarium Scoticum di Corrie Nielsen, stilista americana di origini scozzesi che decide di rifarsi a un antico manoscritto sulla storia del tartan (da cui la linea prende anche il nome). Inserti di tulle e tagli stravaganti caratterizzano i suoi capi svecchiandone lo stile: gonne e maniche voluminose, colletti alti e strutturati, lunghi veli neri abbinati a collant coprenti. Più tradizionale e pacato lo stile di San Andrès Milano, casa di moda del direttore creativo messicano Andrès Caballero. I suoi morbidi vestiti ad altezza ginocchio sperimentano più con i colori che con le forme: quadri non più tipicamente rossi e neri ma su toni di bianco, beige e blu per un look più fresco ed estivo.

I migliori marchi di abiti a quadretti: menzione d’onore

Impossibile non citare un’autentica stilista irlandese, Simone Rocha, che rende omaggio al suo Paese con outfit audaci senza paura di osare. Giocando con le trasparenze e il color carne, manda in passerella modelle a seno nudo con indosso vestiti parzialmente a quadri bianchi e neri o rossi e neri, accessoriati con strette collane di perle e scarpe abbinate. Anja Gockel abbina motivo scozzese a maniche in pizzo beige, mentre la casa di moda di Madrid Delpozo si mantiene sul classico con un lungo abito senza spalline e a bottoni sul davanti.