Le ragadi sono dei taglietti sulla cute del capezzolo o sull’areola durante l’allattamento, dovute allo scorretto attacco del piccolino al seno materno.

Sì, avete letto bene: la loro causa è un attacco sbagliato, dunque le ragadi si possono prevenire semplicemente attaccando correttamente il bambino. Questo problema si può sconfiggere anche tramite una corretta igiene.

Come? Via le coppette assorbenti, a meno che non siano in puro cotone: le coppette sono un’ottima fonte di germi, dal momento che il seno rimane umido. Utilissimi per non bagnare i vestiti, ma assolutamente out per quanto riguarda il rischio infezioni.

Se però le ragadi sono già comparse, non interrompete assolutamente l’allattamento, perché si può incorrere in un ingorgo mammario o addirittura ad una mastite.

Si può poi spalmare sulle ferite al seno la lanolina, una crema che lenisce il dolore ed idrata la cute (la migliore è Purelan della marca Medela, che è composta al 100% di lanolina purissima e non contiene quindi nè additivi nè conservanti).

Un trucchetto? Quando le ragadi sono in via di guarigione e non fanno più male, spremete il seno, spalmate il latte o il colostro sul capezzolo e l’areola, e lasciar asciugare all’aria.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 24-07-2014


Evra cerotto anticoncezionale foglio illustrativo

Come asciugare la frangia piatta