Le proprietà della Maca: la pianta peruviana che regala energia

Quali sono le proprietà della Maca? Tra le prime vi è di sicuro quella di regalare energia tanto da essere chiamata ginseng peruviano. Scopriamole insieme.

Prima di scoprire quali sono le proprietà della maca, scopriamo di che pianta si tratta. Essa ha origini peruviane, cresce infatti sulle Ande tra i 3000 e i 4000 metri. La si trova in particolare nella Puna, il deserto ghiacciato situato a 4mila metri di altitudine.

La sua azione anti stress sono comprovate. I montanari andini, infatti, abituati a consumarne in grande quantità, riescono a sopportare grandi quantità di stress e fatica. La presenza di ferro e vitamina B12 la rende utile in alte quote. Qui, infatti, il sangue è chiamato ad aumentare la produzione di emoglobina per rimediare alla poca ossigenazione.

I benefici della Maca

La maca, chiamata anche ginseng peruviano, è nota per le sue proprietà energizzanti. Essa, infatti, è ricca di vitamine A,C e del gruppo B così come steroli vegetali, minerali, aminoacidi, acidi grassi, carboidrati e fibre. Queste, in particolare, la rendono adatta per chi soffre di patologie del sistema nervoso ma anche di anemia. Aumenta, non a caso, i livelli di emoglobina nel sangue.

Maca
Fonte Foto: https://pxhere.com/it/photo/1433357

Funzione adattogena: L’assunzione di maca va ad aumentare le capacità di adattamento dell’organismo ad agenti stressanti di varia natura. Va in particolare ad equilibrare e stabilizzare il sistema cardiovascolare, muscolare e linfatico. Va inoltre a contrastare l’osteoporosi a rafforzare il sistema immunitario e sostiene il sistema nervoso.

Fonte di energia: La maca si rivela utile per combattere le sindromi da vuoto energetico. Queste, in particolare, sono caratterizzate da costante stanchezza, caduta dei capelli, e calo del desiderio sessuale.

Contro lo stress: Assumendone una al giorno per un mese si va a contrastare lo stress. Si vanno inoltre a risolvere problemi di calo energetico riconquistando vitalità e buonumore.

Maca e… fertilità

La presenza di alcaloidi permette di agire su ipofisi e ipotalamo andando così a contrastare gli squilibri ormonali da cui si originano una serie di problematiche tra le quali anche l‘infertilità maschile e femminile. Si consiglia, inoltre, in tutti i casi di sindrome premestruale e di ciclo doloroso e irregolare ma anche durante la gravidanza e l’allattamento. Va infatti a tonificare l’utero e promuovere la lattazione.

La radice di Maca se consumata regolarmente va a nutrire l’ipotalarno e l’ipofisi. Si tratta delle ghiandole più importanti del nostro organismo. Esse vanno infatti a regolare anche le altre ghiandole. Bilanciando loro si va infatti a regolare anche pancreas, ovaie e ghiandole surrenaliche. Sconsigliato l’utilizzo in gravidanza.

Fonte Foto: https://pxhere.com/it/photo/1433357

ultimo aggiornamento: 28-05-2019

X