Listeriosi: cos’è, quali sono le sue cause, i sintomi più importanti e il trattamento per curarla e prevenirla.

La listeriosi è un’infezione causata dal batterio Listeria monocytogenes. È più comunemente riscontrata in persone che sono state esposte a cibi crudi o lavorati contaminati e in gruppi particolarmente a rischio come le donne in gravidanza, i neonati, gli anziani, le persone con un sistema immunitario indebolito e quelle che hanno ricevuto trattamenti immunosoppressivi per il cancro o altre patologie. Sono stati segnalati casi occasionali anche al di fuori di questi gruppi a rischio. 

Cosa causa la listeriosi?

Il batterio che causa la listeria può essere presente in alcuni alimenti, soprattutto quelli non cotti o non elaborati correttamente. 

wurstel
wurstel

Si può trovare in diverse tipologie di alimenti, nella carne se ingerita cruda, come anche nella verdura o in prodotti caseari. Il latte non pastorizzato ad esempio potrebbe essere contaminato e causare il contagio. Per questo è sempre consigliabile fare molta attenzione.

Sintomi della listeriosi

I sintomi della listeriosi possono variare in base alla gravità dell’infezione. Nei casi più lievi, i sintomi sono simili a quelli di un’influenza leggera e comprendono febbre, mal di testa, vomito e diarrea. Tuttavia, nei casi più gravi, la listeriosi può causare meningite (infezione delle membrane che circondano il cervello), encefalite (infiammazione del cervello) o sepsi (infezione del sangue). La listeriosi è particolarmente pericolosa per le donne in gravidanza, poiché può causare aborto spontaneo o infezioni neonatali. I sintomi della listeriosi solitamente compaiono da una a quattro settimane dopo aver ingerito l’alimento contaminato.

Trattamento della listeriosi e prevenzione

Il trattamento prevede l’uso di antibiotici per via endovenosa. In alcuni casi, è necessario il ricovero in ospedale. Nelle persone che presentano sintomi lievi, gli antibiotici possono essere prescritti per via orale. In alcuni casi, la listeriosi può essere fatale. I fattori di rischio più importanti sono la gravidanza, il diabete mellito e altre condizioni mediche che compromettono il sistema immunitario.

Per poter prevenire il contagio è consigliabile il lavaggio accurato delle mani, la pulizia regolare degli ambienti domestici e soprattutto la cottura completa dei cibi. Evitare il consumo di alimenti contaminati è l’unico modo sicuro per riuscire a rimanere al sicuro da questa malattia.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-09-2022


Ti capita spesso di sognare fiori? Ecco cosa può significare

Frasi sulla pazzia: la parola ai grandi autori e ai film