Dal’8 al 10 luglio ad Allumiere, in provincia di Roma, si svolgerà la Sagra del Cinghiale, evento all’insegna di musica, divertimento e buon cibo.

L’Associazione Contrada Ghetto vuole rievocare la storia di Allumiere, paese in provincia di Roma dove nel ‘500 venne scoperto l’allume, minerale che permise allo stato pontificio di risollevare l’economia locale non dovendo più acquistare questo materiale dalla Turchia. All’epoca l’allume veniva utilizzato per il fissaggio dei colori sulle stoffe, come emostatico nelle cure mediche o per la concia delle pelli. La Sagra del Cinghiale e dei Sentieri non è la classica manifestazione estiva: ai sapori e al divertimento si affiancano infatti numerosi eventi che approfondiscono la storia e la tradizione di questo paese.

Il programma della Sagra

La manifestazione si svolgerà in tre giorni di eventi in cui, caratterizzati anche da itinerari nella “Faggetta” di Allumiere; in questo modo si farà conoscere ai visitatori l’ubicazione delle cave e quelli che erano i metodi antichi utilizzati per l’estrazione dell’allume. La “Faggetta” è una zona molto suggestiva, densa di faggi. Una caratteristica insolita, in quanto il faggio tende a svilupparsi oltre i 1000 metri, mentre Allumiere si trova appena sopra i 500 metri di altezza.

Durante le visite si potranno degustare i piatti tipici del territorio e quelli che usavano di solito mangiare i lavoratori delle miniere. Si parla quindi di cibi “importanti”: i fagioli con le cotiche, la carne alla brace, il pane giallo e il vino locale.  In programma diversi spettacoli musicali per tutti i gusti: venerdì 8 luglio evento “Loco latino” insieme a Manolito. Sabato 9 luglio “Lestofunky – I malfattori musicali”, mentre domenica 10 luglio si esibirà Vincenzo Bencini.


Chi è Cristina Buccino, la ex naufraga dell’Isola dei Famosi

La Festa del Prosciutto di Sauris