La dieta mima – digiuno di Valter Longo

Quali sono i benefici di una drastica riduzione dell’apporto calorico?

chiudi

Caricamento Player...

La dieta mima – digiuno di Valter Longo è stata salutata di recente come una rivoluzione nell’approccio al cibo della società occidentale, che danneggia se stessa a causa dei propri eccessi alimentari.
Si tratta di un digiuno strettamente controllato a cui occorre sottoporsi almeno ogni sei mesi per trarne dei reali benefici e va alternato alla cosiddetta dieta della longevità messa a punto dallo stesso dottor Longo

Perché ridurre fino a 750 calorie il nostro apporto calorico giornaliero?

Per dare a questa domanda una risposta diretta possiamo dire che il digiuno controllato e ciclico costringe il corpo a ringiovanire, cioè a produrre cellule staminali che sostituiscono le cellule ormai vecchie con cellule appena nate e perfettamente funzionanti.

La dieta che mima il digiuno non è drastica come appare: si articola in cinque giorni durante i quali si passa da un apporto calorico di 1050 a uno di 750 calorie, date per lo più da legumi e verdure.
Dopo 3 cicli di digiuno controllato (che a seconda del peso corporeo del paziente possono essere più o meno ravvicinati ma devono essere seguiti almeno 2 volte all’anno) il corpo torna a non essere resistente all’insulina, ovvero ripristinando la condizione comune a tutti gli individui fino a 18 anni. Ottima per diabetici di tipo 2, questa dieta permette all’organismo di reagire a dosi minori di insulina.

La dieta mima – digiuno di Valter Longo e la dieta della longevità

Tornando agli eccessi e alle intemperanze alimentari che dominano la società occidentale, il dottor Valter Longo sostiene che sia necessario, prima ancora che curare gli ammalati per questa o quella patologia, rieducare gli individui a un’alimentazione corretta e spartana.
Tale rieducazione, che prende ispirazione dall’alimentazione dei centenari provenienti dai quattro angoli del globo e soprattutto dal bacino del mediterraneo, ha dato vita alla dieta della longevità. Si tratta di un regime ipocalorico, praticamente privo di proteine della carne, povero di zuccheri e poverissimo di grassi saturi al quale, periodicamente, si dovrebbe alternare la dieta che mima il digiuno.
Siete pronti a vivere cent’anni?