Cosa bisogna sapere sull’inserimento al nido e come si fa ad affrontare questo momento così importante e delicato?

L’inserimento al nido è un momento delicato perché il bambino si avvia a iniziare la prima esperienza fuori dalla famiglia e fa quindi i primi passi verso la sua “autonomia”. Come si fa quindi ad affrontare al meglio quest’esperienza? Quale sarà il compito della scuola e cosa può fare la famiglia per aiutare il bambino ad affrontare una situazione tutta nuova?

Inserimento all’asilo nido: consigli per affrontarlo

È importante considerare che i bambini hanno bisogno di un grande sostegno da parte dei genitori, specie quando si tratta di affrontare cambiamenti importanti, come quando è ora di togliere il pannolino o di andare all’asilo nido. Inoltre, non dimentichiamo che i bambini sono in grado di percepire le preoccupazioni degli adulti. Mostrarsi eccessivamente ansiosi e preoccupati quando c’è da affrontare una situazione nuova non aiuterà il bambino a viverla meglio. Quello che bisogna cercare di fare, invece, è dare fiducia al bambino e cercare di trasmettere serenità, entusiasmo e sicurezza.

Bambini Piccoli Giocano Asilo Nido
Bambini Piccoli Giocano Asilo Nido

La cosa più importante è dare al bambino il tempo per adattarsi, non bisogna quindi forzarlo, ma rispettare i suoi tempi. Non c’è una tempistica esatta per far ambientare il bambino, per questo l’inserimento all’asilo nido varia e può durare qualche settimana o in alcuni casi anche un mese. È fondamentale che avvenga in maniera graduale ed è bene rassicurare il bambino per aiutarlo ad affrontare il distacco.

Inserimento asilo nido: come funziona

L’ingresso del bambino al nido è un’esperienza che richiede la collaborazione della struttura. Sarà il personale, infatti, a guidarvi in modo che il distacco sia graduale facendovi restare insieme al vostro bambino nella struttura per aiutarlo ad ambientarsi. Inoltre, non dobbiamo dimenticare che i timori di questo grande cambiamento non sono solo quelli dei più piccoli.

La cosa importante per affrontare questo grande passo in maniera serena e aiutare così anche il bambino è scegliere una struttura di cui ci si fida e cercare di tenere in conto anche i desideri del bambino. Per esempio se il piccolo ama stare all’aperto, può essere presa in considerazione la scelta di un nido che abbia anche spazi esterni in cui giocare.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 22-01-2022


L’importanza della vaccinazione in gravidanza

Nomi con la O: tante idee a cui ispirarsi