Si può restare incinta con la pillola? Scopriamo l’efficacia di questo metodo contraccettivo e quando si può incorrere in una gravidanza.

Un dubbio molto frequente è quello sull’utilizzo degli anticoncezionali e sulla loro efficace. Una delle domande più frequenti, infatti, è si possa restare incinta con la pillola. Andiamo a scoprire qual è l’affidabilità di questo metodo anticoncezionale. La pillola anticoncezionale è uno dei metodi contraccettivi più efficace in assoluto, tuttavia nessuno di questi metodi garantisce un’efficacia del 100%. In quali casi, quindi si può andare in contro ad una gravidanza anche durante l’assunzione della pillola? Scopriamolo.

Rimanere incinta con la pillola: quando succede

Come abbiamo detto l’utilizzo della pillola anticoncezionale è uno dei metodi più efficaci. Ci sono però alcune situazioni in cui si può anche restare incinte con la pillola. Premettiamo subito che, vista l’efficacia del farmaco, la gravidanza nella maggior parte dei casi avviene perché ci si dimentica di assumere (per uno o più giorni) la compressa.

Donna Pillola Ovulazione
Donna Pillola Ovulazione

Un altro caso in cui può avvenire il concepimento può essere a causa di un assorbimento errato del farmaco, ad esempio nel caso in cui dopo aver assunto la pillola si abbia vomitato. Ci sono poi diversi fattori che possono provocare un mancato assorbimento del farmaco anticoncezionale. Bisogna, quindi, prestare attenzione quando si assumono altri farmaci nello stesso periodo.

Sintomi di gravidanza con la pillola: cosa fare?

Qualora si avesse il dubbio di una presunta gravidanza, mentre si sta assumendo la pillola anticoncezionale, cosa bisogna fare? Il primo passo è senz’altro quello di accertarsi se c’è una gravidanza in atto. Per farlo basterà fare un semplice test di gravidanza. Infatti, con il test verrà ricercata la presenza della beta gonadotropina corionica, un ormone che non viene alterato dall’assunzione dei farmaci anticontraccettivi.

Test di gravidanza
Test di gravidanza

La pillola contraccettiva contiene generalmente estrogeni e progesterone, in altri casi può anche contenere solamente il progesterone. In ogni caso però la sua formulazione è in grado di garantire un’efficacia anticoncezionale transitoria. Ciò significa che quando l’assunzione viene interrotta, si ha nuovamente la possibilità di concepire.

Nel caso in cui si assuma la pillola, si potrà verificare se c’è una gravidanza in atto attraverso un classico test di gravidanza. Infatti, questo test si basa sul dosaggio dell’ormone beta hcg, i cui valori non vengono alterati dall’assunzione del farmaco.

ultimo aggiornamento: 31-10-2020


Consigli utili su come conservare il latte materno

Come cresce il nostro bambino? Scopriamo il calcolo della lunghezza del feto