Ikea lancia il programma Buy Back Friday, attraverso il quale ricompra i vecchi mobili usati, regalando in cambio buoni acquisto.

Si chiama Buy Back il nuovo programma Ikea attraverso il quale il colosso svedese è pronto ad entrare nell’economia circolare. Un’idea che consente ai clienti di cambiare il look del proprio appartamento, senza pesare sull’ambiente, riportando in negozio i propri mobili usati Ikea. Una campagna che verrà lanciata quasi in contemporanea in ben 27 Paesi, tra cui l’Italia, con modalità differenti a seconda del Paese di riferimento. Entriamo quindi nei dettagli e scopriamo assieme in cosa consiste e come funzione questa proposta.

Buy Back di Ikea, come funziona e quanti soldi si possono riavere

Grazie al programma Buy Back, Ikea si propone di ricomprare i mobili usati dei suoi clienti, offrendo in cambio dei buoni acquisto dal 30% al 50% del loro prezzo iniziale. Nel caso in cui non possano essere rivenduti, l’azienda ha fatto sapere che tale prodotti verranno riciclati oppure donati a progetti per aiutare le persone maggiormente colpite dall’impatto del Covid-19.

Come già detto, questo programma verrà lanciato in ben 27 Paesi in occasione del Black Friday a novembre 2020. In particolare, per quanto riguarda l’Italia, la campagna #GreenFriday, per dare ai mobili usati una seconda vita, durerà dal 27 novembre al 6 dicembre in tutti i 21 store presenti sul territorio nazionale.

Chi consegnerà a Ikea i propri mobili usati potrà così ricevere un buono spesa da utilizzare in negozio entro 2 anni dal momento del rilascio. Il valore del voucher dipenderà dalle condizioni dei mobili. In presenza di prodotti senza graffi si riceverà il 50% del prezzo originale. Gli articoli con piccoli graffi, avranno il 40%, mentre quelli con diversi graffi, riceveranno il 30%. I clienti interessati dovranno restituirli, assemblati, presso il banco resi dove verranno controllati e si concorderà il valore del buono acquisto.

Ikea punta sull’economia circolare

Attraverso il programma Buy Back, Ikea punta quindi a farsi largo nell’economia circolare. A tal proposito Pia Heidenmark Cook, Chief Sustainability Officer del Gruppo Ingka , così come riportato dall’Ansa, ha dichiarato: “Essere circolari è un’ottima opportunità di business e, al tempo stesso, una responsabilità. La crisi climatica ci impone di ripensare radicalmente le nostre abitudini di consumo“. Per poi aggiungere: “Un’economia circolare si può raggiungere solo attraverso gli investimenti e la collaborazione con i clienti, le altre imprese, le comunità locali e i governi, in modo da azzerare i rifiuti e innescare un ciclo di riparazione, riutilizzo, riadattamento e riciclaggio“.

Per finire ricordiamo che non tutti i prodotti Ikea possono essere restituiti. Tra gli articoli ammessi si annoverano: scaffali, librerie, scrivanie, tavoli e tavolini, sedie, sgabelli e panche, cassettiere, comodini, carrelli e buffet, mobili da esterni, strutture letti bambini e culle. Idonei pure gli armadi, purché non componibili e con dimensioni massime pari h 202 cm – L 120cm – p. 60 cm.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/ikea-galleria-di-immagini-2714998/

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 18-10-2020


Xbox Series X e PlayStation 5, tutti i dettagli sulle console next-gen

The Haunting, American Horror Story e altro ancora: le serie TV da vedere a Halloween