Due giorni in una delle capitali più antiche d’Europa

Idee per un week end a Sofia? Di certo avrete la sensazione che due giorni non siano abbastanza per carpire il vero cuore di una delle più antiche e importanti capitali d’Europa, più recente soltanto di Atene e Roma. Furono i Bulgari a rinominarla “Sòfia”, parola greca che significa “saggezza”.
Uno dei maggiori vantaggi del visitare Sofia è che non è strettamente necessario utilizzare i mezzi pubblici, perché in questa serena capitale dell’Est si passeggia piacevolmente a piedi per raggiungere tutti i punti della città.

Idee per un week end a Sofia: primo giorno

La via principale del centro storico di Sofia è il Vitoscha Boulevard, una via ricca di ristoranti, bar e negozi alla moda. Il Vitosha Boulevar è dominato dalla cupola della chiesa ortodossa Sveta Nedelya decorata all’interno da preziosi affreschi di epoca bizantina. Non molto distante si incontra la Moschea Banya Bashi che prende il nome dagli stabilimenti termali sui quali fu innalzata nel 1576. È possibile visitare la moschea all’alba, al tramonto e durante gli orari di preghiera, a patto di avere un abbigliamento e un comportamento adeguati.
La sinagoga di Sofia è la più grande di Europa: può ospitare 1200 persone e la sua cupola neomoresca sostiene il peso di un monumentale lampadario di oltre 2 tonnellate. Costruita agli inizi del Novecento ospitava una grande biblioteca che però, a seguito della seconda guerra mondiale, venne irreparabilmente dispersa. Dal 1992 la moschea è sede di un importante museo sulla travagliata storia degli Ebrei di Bulgaria.
La chiesa ortodossa Alexander Nevskj è il simbolo della città e fu costruita per commemorare i caduti nella guerra tra Russia e Turchia. Al suo interno è custodito un museo di icone sacre che è tra i più rilevanti dei Balcani. L’ingresso è gratuito, ma non è consentito scattare fotografie all’interno della chiesa.

Secondo giorno

Dal centro storico è possibile raggiungere con un’economica corsa in taxy il sobborgo di Boyana, dove sorgono la Chiesa di Boyana, un sorprendente esempio di Rinascimento Bizantino che fu precursore di quello Italiano. E’ possibile munirsi di audio guida in inglese per soli cinque euro e scoprire i dettagli degli affreschi che ricoprono completamente la superficie interna della chiesa e che ricordano da vicino quelli di Giotto nella Cappella degli Scrovegni. Nello stesso sobborgo c’è anche il Museo di Storia Nazionale, in cui si possono ammirare testimonianze di varia natura (belle arti, abbigliamento, armi) che permetteranno di attraversare l’intero percorso della storia bulgara.

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 15-06-2016


Dove comprare la pilosella

Giulia Carnevali, tutte le trasmissioni