I cibi giusti per contrastare l’anemia in gravidanza

L’anemia è un problema per molte donne, ed è da combattere soprattutto in gravidanza

chiudi

Caricamento Player...

La gravidanza comporta una serie di “complicazioni” di salute cui fare maggiore attenzione. l’anemia, ovvero, i valori del ferro troppo bassi, è una di quelle.

Leggi anche: La giusta dieta per aumentare le possibilità di concepimento

Molte donne soffrono di anemia, purtroppo, durante tutta la vita, nel periodo della gravidanza, però, questo problema potrebbe peggiorare ulteriormente provocando diversi danni alla salute della mamma e del bambino.

I sintomi dell’anemia sono molto facilmente riconoscibili come, ad esempio: stanchezza, pallore di labbra e unghie, vertigini, tachicardia.

Ci sono però buone abitudini alimentari da seguire per far sì che il ferro mantenga dei buoni valori al’interno del sangue.

I cibi che contengono una maggiore quantità di ferro sono la carne rossa, pesce, uova, verdura a foglia verde, legumi e frutta secca. Necessario abbinare a questi cibi un forte apporto di vitamina C che è indispensabile per far sì che il ferro sia assorbito al meglio dall’organismo. Quindi è buona norma, mangiare kiwi o agrumi, che oltre a contenere vitamina C, sono ricchi di ferro di origine vegetale.

Ci sono però anche cibi che rendono difficile l’assorbimento di ferro e che quindi è bene evitare o almeno controllare. Sono i tannini, presenti in caffè e tè, oppure l’eccessivo apporto di calcio, o ancora, i polifenoli, contenuti nel vino rosso, che, in ogni caso va evitato durante la gravidanza.