I 900 dipendenti di un’azienda di calzature, la R. M. Williams, hanno ricevuto 1.000 euro a testa come regalo di Natale da Hugh Jackman.

Ricevere un regalo fa sempre piacere, in particolare quando questo è del tutto inaspettato. E saranno certamente felici del dono ricevuto i 900 dipendenti di un’azienda di calzature, la R. M. Williams, che si sono visti recapitare 1.300 dollari a testa (che equivalgono all’incirca a 1.070 euro). Chi è il generoso Babbo Natale? L’attore Hugh Jackman, che è stato testimonial pubblicitario dell’azienda e ha così deciso di omaggiare i suoi dipendenti. La notizia arriva direttamente dall’Australia e a riportarla è stato il quotidiano Courier Mail.

Hugh Jackman: i film

Hugh Jackman è noto al grande pubblico per il ruolo di Wolverine nella saga cinematografica degli X-Men. Nel corso della sua carriera ha poi lavorato anche in altri film di successo: da Van Helsing a Les Miserables passando per The Greatest Showman.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Hugh Jackman
Hugh Jackman

Tra i suoi ultimi film c’è Bad Education ma il regalo fatto ai 900 lavoratori della R. M. Williams fanno pensare che la cattiva educazione che dà il titolo al film non faccia parte dell’essere dell’attore australiano.

George Clooney: 1 milione in regalo agli amici

Qualche settimana fa era stato un altro attore di Hollywood a rendersi protagonista di un gesto simile: George Clooney. Ai suoi 14 amici più cari aveva donato per 1 milione di dollari a testa.

Tutti questi ragazzi, nel corso di 35 anni, mi hanno aiutato in vari modi. Ho dormito sui loro divani quando ero al verde. Mi hanno prestato soldi quando ero al verde e aiutato quando ne avevo bisogno. Senza di loro non avrei avuto tutto questo” aveva spiegato George Clooney spiegando il suo gesto.

“Ho pensato: se vengo investito da un autobus, ognuno di loro sarà nel mio testamento. Quindi perché aspettare di essere investiti da un autobus?” aveva poi aggiunto l’attore e regista.


Alberi di Natale: ecco quali sono i più belli al mondo del 2020

Mi presento: sono Benedetta De Luca, vi racconto la mia storia di disabilità e battaglia per l’inclusione