La giornalista Greta Beccaglia, in seguito alle scuse radiofoniche del tifoso che l’ha molestata, risponde all’uomo e dichiara di averlo denunciato.

La giornalista Greta Beccaglia risponde alle scuse del tifoso che l’ha molestata in diretta tv, durante la partita Empoli-Fiorentina. La giornalista non accoglie le parole dell’uomo che ha sminuito il suo gesto e rivela di aver presentato la denuncia in Questura.

Le dichiarazioni di Greta Beccaglia alle scuse del tifoso che l’ha molestata

In occasione di un’intervista a La Zanzara, Greta Beccaglia risponde alle parole del tifoso e dichiara: “Pensa davvero di non aver fatto nulla di male? Una goliardata, dice. Giustificata dalla rabbia perché la Fiorentina aveva perso? Definire goliardia una molestia significa non aver capito la gravità di un atto. Sono dichiarazioni irricevibili. Mi pare che peggiorino tutto“.

Sulle scusa che il tifoso le ha rivolto in radio, dichiara: “Scuse? Per adesso non ne so nulla. E comunque io, ho fatto la mia denuncia in Questura. Denunciare è importante, e spero che, vedendo me, altre lo facciano“. Attualmente la giornalista ha presentato la denuncia, in questo modo la polizia può procedere legalmente contro l’uomo che già è stato identificato.

Greta torna a parlare degli attacchi sui social e afferma: “Oltre ai tanti messaggi di affetto ci sono stati anche quelli di chi dice che io sto montando il mio caso solo guadagnare più follower sui social. Ma s’immagina? Quello che sto vivendo è faticoso e stressante emotivamente. Ma è anche bello, da un certo punto di vista. E voglio che serva davvero, perché le donne devono essere più tutelate“.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 30-11-2021


Il dramma di Alessia Mancini: “Un tumore grosso come una…”

Gli Eredi di Aldo Gucci contro House of Gucci: “Ci riserviamo ogni iniziativa a tutela del nome”