Prima che il bimbo inizi a camminare arriva il momento di decidere se fargli usare o no il girello, ecco cosa dovremmo considerare.

L’utilizzo dei girelli per bambini è spesso al centro delle discussioni, c’è chi è favorevole all’uso e chi invece lo sconsiglia. Vediamo di fare un po’ di chiarezza sul ruolo del girello, è davvero un valido aiuto per aiutare il bimbo a camminare? Oppure sarebbe meglio non utilizzarlo? Prendiamo in esame alcune considerazioni per fare luce sulla questione.

Girello per bambini: sì o no?

Sull’utilizzo del girello vige ancora un acceso dibattito, anche se per lo più il suo utilizzo è sconsigliato per diverse motivazioni. In primo luogo il suo utilizzo, invece, di favorire lo sviluppo della muscolatura e instradare il piccolo verso la giusta direzione per imparare a camminare, ne ostacolerebbe lo sviluppo.

Bambina nel girello
Bambina nel girello

Se pensate alla posizione assunta dal bimbo quando lo utilizza, vi è subito chiara la spiegazione. Per prima cosa nel girello il piccolo tende ad assumere una postura sbagliata perché per riuscire ad avanzare avrà la tendenza a spostare anche il corpo in avanti. Inoltre, per muoversi utilizzando il girello, potrà usare solo le punte dei piedi, senza dover poggiare completamente le piante. Queste abitudini scorrette, se ripetute senza girello, non aiuterebbero affatto il bimbo a camminare, ma lo farebbero solo cadere. È proprio per questa tendenza sbagliata che il bimbo può acquisire la camminata sulle punte, ed è per questi motivi che l’uso del girello viene sconsigliato anche dal Ministero della Salute.

Girelli per bambini: una risorsa o un pericolo?

Un oggetto all’apparenza innocuo, può risultare spesso un pericolo, il girello di per sé può sembrare una risorsa per il bimbo perché gli permette di esplorare e muoversi. Vale però, anche in questo caso sempre la regola del buon senso e bisogna sempre considerare eventuali rischi. Con il girello il bimbo potrebbe riuscire a raggiungere punti della casa pericolosi, o anche rischiare di farsi cadere addosso oggetti pesanti, basti pensare ai pericoli in cucina.

Nell’utilizzarlo, quindi, bisognerà fare attenzione a non perdere mai di vista il bimbo. Rendere la casa sicura, in ogni caso, sarà essenziale anche quando il piccolo inizierà a gattonare o a muovere i primi passi, per cui sarà un passaggio obbligato anche nel caso in cui si scelga di non usare affatto il girello. Per aiutarvi nello scopo potrete procurarvi dei paraspigoli, dei blocca cassetti e anche dei copri presa per evitare che il piccolo possa farsi male. Oltre, naturalmente, a spostare dalla sua portata oggetti pesanti o pericolosi con cui possa entrare accidentalmente in contatto.


Cos’è una cisti endometriosica e da quali sintomi è accompagnata

Tatuaggio delle sopracciglia in gravidanza: si può fare il microblading?