Dopo l’uscita del nuovo album Disumano, la mamma di Federico Aldrovandi ha ringraziato Fedez sui social per aver ricordato il figlio in una canzone.

La vicenda giudiziaria relativa al caso Federico Aldrovandi, il ragazzo che il 25 settembre 2005 morì alle prime luci dell’alba durante un controllo di polizia a Ferrara, è ancora aperto.

Nel suo ultimo album Disumano, Fedez cita il ragazzo in una delle nuove tracce, Un giorno in pretura, che la mamma di Aldrovandi a quanto pare ha ascoltato. La signora Patrizia, infatti, ha ringraziato pubblicamente il rapper, con un tweet in cui afferma che le parole del cantante la stanno aiutando molto.

Fedez ha subito risposto, dandole forza e anche su Instagram ha ricordato a entrambi i genitori di Federico che gli è vicino, che la memoria del figlio verrà sempre sostenuta. Patrizia Moretti proprio oggi ha dovuto testimoniare in tribunale per una querela dell’ex questore Graziano e la canzone di Fedez l’ha aiutata a farsi forza, per affrontare quest’ennesima battaglia.

Il caso Aldrovandi

Una vicenda giudiziaria che ha scioccato l’opinione pubblica negli ultimi decenni: il caso di Federico Aldrovandi è stato oggetto di grande attenzione mediatica e ancora oggi se ne parla.

Era il 25 settembre 2005. Il 18enne morì a Ferrara durante un controllo della polizia. Lo scontro tra Aldrovandi e i quattro poliziotti portò alla morte per asfissia da posizione: il torace schiacciato sull’asfalto dalle ginocchia dei poliziotti. Morì così, sotto il peso di un poliziotto mentre chiedeva aiuto perché non riusciva più a respirare.

Quattro poliziotti vennero condannati per eccesso colposo in omicidio colposo a tre anni e sei mesi, e all’inchiesta per stabilire la cause della morte ne sono seguite altre per presunti depistaggi e per le querele fra le parti.

Riproduzione riservata © 2022 - DG

Fedez

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 02-12-2021


Che fine hanno fatto le veline di Striscia la Notizia? Tutta la verità

Meghan Markle vince contro il Daily Mail: “È stata violazione della privacy”