Federica Pellegrini la carriera

Scopriamo insieme la straordinaria carriera di Federica Pellegrini, una delle più grandi nuotatrici mondiale detentrice di diversi record.

chiudi

Caricamento Player...

Federica Pellegrini è sicuramente uno dei nomi più importanti nel panorama sportivo italiano e mondiale, grazie a numerosi record infranti, vittorie importanti ottenute e successi che hanno dato lustro alla nostra Italia. La Pellegrini è nata a Mirano il 5 agosto 1988 e e si è specializzata sin da subito nello stile libero. Attualmente, in questa disciplina, è primatista mondiale in carica, nei 200 metri, ed europea, nei 400 metri. Nonostante non abbia ancora compiuto 30 anni, ha partecipato già a 4 Olimpiadi. La prima nel 2004, ad Atene,  le consentì di raggiungere il secondo posto, e quindi l’argento, nei 200 metri stile libero. Ad Atene, a soli 16 anni, è diventata l’atleta italiana più giovane di sempre a conquistare una medaglia olimpica individuale. La seconda Olimpiade è stata quella di Pechino, nel 2008. Qui, vincendo la medaglia d’oro, ha regalato all’Italia il primo successo olimpico femminile della storia del nuoto.

Federica Pellegrini: i record infranti dalla bella nuotatrice azzurra

Nel nel 2007, ai mondiali di Melbourne, la Pellegrini ha infranto il suo primo record, salvo poi arrivare a quota 11, nella sua carriera che continua ancora oggi dopo il momento non proprio felice di Londra 2016. Ha vinto il titolo di campionessa del mondo nei 200 e 400 metri stile libero sia nel 2009 che nel 2011, stabilendo un vero e proprio record. Per il momento, è anche l’atleta donna più iridata nei 200 metri stile libero. In questa categoria ha infatti vinto 2 ori, 3 argenti e 1 bronzo, conquistati in 6 diversi mondiali.

Federica Pellegrini: i titoli conferiti per i suoi meriti sportivi

Nel 2009, la rivista Swimming World Magazine ha eletto la nostra Federica Pellegrini “Nuotatrice dell’anno” e “Nuotatrice europea dell’anno” nel 2009, 2010 e 2011. I suoi grandi successi nello sport le hanno consentito di ottenere, nel 2004 e nel 2009, i titoli di Ufficiale e Commendatore dell’ordine al merito della Repubblica italiana.