Eliminare l’odore di cibo dai piatti con metodi naturali ed economici

Dire addio allo sgradevole odore di cibo dai piatti grazie all’azione disinfettante e sbiancante dell’aceto e del bicarbonato.


Logo Zalando 190x52

Molto spesso capita che dopo aver lavato i piatti a mano rimangano tracce di unto e cattivi odori. Nonostante i migliori detersivi non si riesce a far tornare le stoviglie profumate. Se, invece, si lavano in lavastoviglie è più difficile non riuscire a eliminare del tutto questi odori perché si raggiungono temperature molto alte. Senza sprecare energia e acqua calda ci sono dei metodi infallibili fai da te per eliminare l’odore di cibo dai piatti in modo definitivo.

ELIMINARE L'ODORE DI CIBO DAI PIATTI
ELIMINARE L’ODORE DI CIBO DAI PIATTI

Per eliminare l’odore di cibo dai piatti fare un prelavaggio di pochi minuti con aceto o bicarbonato.

Dopo aver mangiato una frittura, del pesce o un prodotto unto può capitare che l’odore di cibo rimanga impregnato. Per far fronte a questo tipo di problemi bisogna ricorrere a dei metodi infallibili della nonna. Se volete andare sul sicuro immergete i piatti in una bacinella di plastica con acqua tiepida e due cucchiai di bicarbonato. Lasciate in ammollo per circa quindici minuti e nel mentre procedete con le altre faccende di casa. Quando avrete finito eliminate l’acqua dalla bacinella e procedete al normale lavaggio dei piatti. Vedrete che l’odore di cibo sarà solo un lontano ricordo.

Un altro metodo infallibile per eliminare l’odore sgradevole in modo non aggressivo procurarsi dell’aceto bianco. Dopo aver eliminato i residui di cibo mettere in piatti a bagno per pochi minuti con un bicchiere di aceto bianco. Procedere poi al normale lavaggio con un detersivo misto a qualche goccia di aceto. Un altro trucco della nonna prevede, invece, di lavare direttamente i piatti con un preparato a base di detersivo, bicarbonato e limone. Passare poi i piatti sotto l’acqua fredda e vedrete che saranno profumati e brillanti grazie all’azione del bicarbonato.