In provincia di Lecce, sono stati arrestati due malviventi che gestivano un giro di prostituzione segregando, maltrattando e schiavizzando le donne.

Le donne sono state portate in Italia dalla Bulgaria e poi sono state ridotte in schiavitù e costrette a prostituirsi. Sono due i malviventi arrestati a Taviano, in provincia di Lecce, un cittadino bulgaro, Mariyan Chakarov, di 46 anni, e un italiano, Angelo Manzo, di 62 anni.

Giro di prostituzione nel Leccese: donne maltrattate e schiavizzate

I due uomini sono stati accusati di svariati capi d’accusa quali: tratta, associazione per delinquere, sfruttamento della prostituzione, riduzione in schiavitù ecc. Secondo quando riporta TG Com 24: “Tutto è partito dopo la denuncia presentata da due donne che sarebbero state fatte arrivare dalla Bulgaria e subito dopo avviate all’attività di prostituzione.

Secondo l’accusa Chakarov, a capo dell’organizzazione, sarebbe colui che “riscattava” le donne in Bulgaria “acquistandole” da altri criminali per poi portarle in Salento, sequestrando loro i documenti e minacciando di far del male a loro o ai familiari rimasti nel paese d’origine, nel caso le ragazze non avessero eseguito i suoi ordini.”

Le donne veniva anche torturate, segregate e tenute a digiuno.

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 22-12-2021


Falsi vaccini a Palermo: fermati un leader No Vax e un’infermiera

No Vax insultano i genitori di un bambino vaccinato: il papà denuncia