Alcuni No Vax hanno rubato una foto di un bambino vaccinato da Facebook, minacciando i genitori. Il padre li denuncia e chiede giustizia. Ecco il caso.

Alcuni No Vax hanno rubato una foto di un bambino vaccinato da poco utilizzandola su un sito antivaccino, con corredo di insulti e minacce contro i genitori. Il bambino è figlio di un medico, che ha condiviso la foto del figlio du Facebook, fiero di essersi vaccinato, con tanto di attestato di coraggio.

La foto è stata subito inondata di commenti dai No Vax, che hanno scritto frasi violente contro i genitori del bambino , tipo: ‘Assassini’, ‘Veniamo a prenderlo e lo portiamo via da voi’, ‘Mer… che vaccinate i figli’

Il padre del bambino, il medico Paolo Mezzana, ha rilasciato un commento su quello che è accaduto, cercando giustizia da parte delle autorità: “La foto era stata ripostata da qualcuno dei miei contatti, ed è stata poi rubata da un noto sito no vax, che ha anche una pagina Fb, dove la foto è stata anche manipolata, con l’ingrandimento della lacrima di mio figlio. In brevissimo tempo ci sono state oltre 200 condivisioni, una valanga di insulti anche molto pesanti, che hanno spaventato molto mia moglie. Abbiamo denunciato alla polizia postale e siamo stati messi in ‘protezione gialla’ per le minacce. Abbiamo denunciato l’amministratore del sito e poi abbiamo querelato tutti quelli che hanno fatto commenti gravi, oltre 250 persone

Secondo Mezzana, tutto questo accanimento contro i genitori che vaccinano i figli è totalmente sbagliato: “La propaganda no vax è concentrata sui bambini. Non mi sono mai sottratto al confronto e, in questi mesi, vista la mia palese battaglia pro-vaccini, di insulti ne avevo ricevuti, senza dargli particolare importanza. Ma ora si è largamente superato il limite. La vaccinazione pediatrica è importantissima. Usare i bambini in questo modo non ha senso ed è inaccettabile.”

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 22-12-2021


Donne schiavizzate e costrette a prostituirsi nel Leccese: arrestati due responsabili

Salvato Lorenzo: il bimbo nato prematuro che pesava 370 grammi