A cosa serve il cuscino per la gravidanza? Vediamo quando e come usarlo e come orientarsi tra i vari modelli in commercio.

Il cuscino per la gravidanza può tornare utile già dai primi mesi ed è pensato appositamente per aiutare a dormire più comodamente e senza avere dolori alla schiena. Ci sono diversi modelli di cuscini per la gravidanza, ma in genere molti di questi si adattando anche all’allattamento aiutando ad assumere la posizione corretta per allattare e non gravando sulle braccia. Vediamo come si usa e quali modelli diversi esistono.

Cuscino gravidanza: a cosa serve

A differenza di un cuscino tradizionale, il cuscino per dormire in gravidanza ha una forma peculiare, solitamente a C o ad U. Questi cuscini a “serpentone” vengono in soccorso per la notte perché possono essere utilizzati proprio come supporto per il pancione, scaricando così il peso che graverebbe altrimenti sulla schiena.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

donna gravidanza cuscino dormire letto
donna gravidanza cuscino dormire letto

Il cuscino è inoltre anche un valido aiuto per chi tende a muoversi spesso durante il sonno perché aiuta a mantenere la stessa posizione e riposare meglio. Il suo scopo principale prima del parto è proprio quello di aiutare a dormire meglio ed evitare i dolori tipici come crampi alle gambe, dolori alla cervicale e, soprattutto, il mal di schiena. Spesso il cuscino premaman torna utile negli ultimi mesi della gravidanza quando il peso del pancione grava maggiormente sulla schiena. Tuttavia ciò non toglie che possa essere utilizzato già da prima, intorno al quinto mese, per alleviare il peso e dare sollievo ai muscoli. Vediamo come orientarsi tra i diversi modelli a disposizione e cosa tenere in considerazione per la scelta.

Cuscini gravidanza per dormire: come sceglierlo

I diversi modelli di cuscini pensati per la gravidanza e l’allattamento differiscono per forma, materiali e per la possibilità di essere sfoderabili o meno. In linea di massima sono da preferire i modelli sfoderabili, in questo modo sarà più facile lavare periodicamente il cuscino. La scelta dell’imbottitura dipende anche dal tipo di sostegno che si vuole avere, ci saranno infatti modelli più morbidi e altri più rigidi. I modelli lunghi e flessibili sono pensati per chi dorme soprattutto di lato, mentre il modello a C può essere usato per sostenere soprattutto la schiena anche da sedute e quello ad U, oltre a permettere di dormire sul fianco, è adatto anche per l’allattamento.


Si può mangiare la mozzarella in gravidanza? E quali latticini sono consentiti?

Vaccino Covid a bambini e ragazzi: le raccomandazioni dei pediatri