Covid, ecco dove ci si contagia di più: dal ristorante agli ascensori, ecco quali sono i luoghi in cui è maggiore in rischio di contrarre il Coronavirus.

La pandemia di Covid-19 ha messo a dura prova il mondo intero, ma ci sono dei posti in cui il contagio è molto maggiore, e che sono assolutamente da evitare. Ma quali sono questi luoghi dove il rischio contagio è maggiore? Scopriamoli insieme.

Covid: i luoghi super diffusori

Sono tantissimi gli studi che dall’inizio della pandemia hanno tentato di rispondere alle due domande più importanti: come ci si contagia e dove ci si contagia. Mentre alla prima domanda la risposta sembra ormai essere attraverso il contatto e anche il più semplice dialogo ad alta voce con una persona infetta (anche a distanza di più di un metro), il dove è ancora oggettto di numerosi studi.

Clienti al bar con mascherina
Clienti al bar con mascherina

Dai macelli alla chiesa, passando per le carceri. Sono davvero tantissimi i luoghi definiti ‘super diffusori’, quelli in cui è semplicissimo contagiarsi a vicenda creando dei piccoli o grandi focolai. Ma anche gli stadi e le discoteche sono luoghi particolarmente rischiosi, così come i ristoranti e soprattutto gli ascensori. In spazi così chiusi e in cui il contatto è così ravvicinato, infatti, il contagio è quasi automatico, come dimostrato ormai da numerosi studi.

Donna e bambino con mascherina
Donna e bambino con mascherina

Tenendo conto che le principali difese restano il distanziamento sociale, l’utilizzo corretto delle mascherine e la costante igiene delle mani (evitando in tal senso di cadere in banali errori), si possono dividere i luoghi pubblici in diverse fasce di pericolosità.

In quella meno pericolosa sono presenti i supermercati, le biblioteche, i musei, la maggior parte delle attività all’aperto. Nella fascia intermedia si trovano centri commerciali, uffici, banche, palestre, parchi giochi, piscine, ma anche hotel, bagni pubblici, mezzi pubblici, teatri e cinema. Nel gruppo dei luoghi in cui il rischio è maggiore troviamo invece bar e ristoranti, specialmente se ci si rimane per molto tempo, cerimonie religiose o meno, feste, buffet, concerti, discoteche, stadi, parchi divertimento, messe e macelli.

Contagio da Covid in città: il virus rimane sulle superfici?

Di recente alcune università americane, in particolare la Tufts e la Berkeley, hanno effettuato delle ricerche sulle superfici presenti nei luoghi pubblici, come ad esempio i bancomat, le maniglie dei cassonetti o dei negozi, le entrate della metro, i distributori di benzina, i pulsanti dei semafori e così via.

Dalle ricerche effettuate nella città di Somerville, in Massachussetts, è venuto alla luce come siano rimaste tracce di Covid sull’8,3% delle superfici. Le più contaminate sono risultate le maniglie dei cassonetti e dei negozi, seguite dalle banche e le metro. Va però detto che la quantità di Sars-Cov-2 rilevata era bassa, e forse insufficente per causare un contagio.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

coronavirus

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-12-2021


Macbeth alla Scala: la storia della tragedia di Shakespeare musicata da Verdi

Mai usato il percarbonato di sodio? E quali differenze ci sono con il bicarbonato?