Costantino Vitagliano, chi è il famoso tronista di Uomini & Donne

La scheda di Costantino Vitagliano, personaggio televisivo conosciuto dal grande pubblico semplicemente con il nome di Costantino

chiudi

Caricamento Player...

Costantino Vitagliano è un volto noto della televisione italiana. Classe 1974, Costantino è nato il 10 giugno a Milano e arriva al successo dopo la partecipazione al programma televisivo “Uomini e Donne” condotto da Maria de Filippi su Canale 5.

L’esperienza a Uomini & Donne

Costantino si fa conoscere dal grande pubblico nel 2003 quando siede sul trono del programma “Uomini e donne”. Una partecipazione che lo proietta nel mondo della tv e della cronaca rosa come uno dei personaggi più amati dal pubblico femminile. Il suo nome è uno dei più ricercati al punto di generare un vero e proprio fenomeno televisivo. Durante la sua partecipazione a Uomini e Donne si innamora della corteggiatrice Alessandra Pierelli con cui vive una storia d’amore ripresa quotidianamente dalle telecamere. La loro relazione appassiona il pubblico italiano al punto da diventare argomento di discussione durante diversi talk show pomeridiani e a Buona Domenica.

Il successo mediatico

Sulla scia del successo di “Uomini e Donne” diventa anche attore sul grande schermo interpretando un ruolo creato appositamente per lui nel film “Troppo belli” scritto da Maurizio Costanzo. Stroncato dalla critica cinematografica il film è stato eletto la pellicola più brutta della storia del cinema italiana non incontrando nemmeno il favore del pubblico. Nonostante il flop al cinema, Costantino prosegue la sua carriera televisiva posando nel 2005 per il calendario Max e due anni dopo è inviato per il programma “Stranamore”. Nel 2007 diventa attore di fotoromanzi e testimonial per diversi brand di abbigliamenti tra cui anche Paciotti. La sua fama è tale da diventare un libro da 250 mila copie vendute: si tratta di “Costantino Desnudo” la prima opera biografica scritto da Alfonso Signorini a cui segue l’autobiografia “Dedicato a voi” uscito per Arnoldo Mondadori Editore.

(fonte foto: Facebook)