La coltivazione in verticale che salverà il mondo

Il settore agricolo sta lentamente cambiando, e con esso anche il nostro modo di concepire l’alimentazione e la produzione del cibo. Con l’80% dei territori agricoli già utilizzati, si stima che quelli restanti non saranno sufficienti. Entro il 2050, infatti, la Terra raggiungerà i 9 miliardi di abitanti. Come procurare da mangiare a tutte queste persone? Semplice: con le cosiddette vertical farm, le fattorie verticali. In questo modo, le città stesse cambieranno volto e la distanza tra campo coltivato e centro urbano si perderà. Ma chi ha avuto per primo questa idea?

Come nasce

L’ideatore di questo innovativo concetto è Dickson Despommier, professore di Scienza della salute ambientale alla Columbia University. Secondo lui, i vantaggi dello skyfarming sarebbero molteplici: primo fra tutti, l’uso di energia rinnovabile. Le serre verticali verrebbero alimentate a luce solare o led, ma ottenuta riconvertendo scarti vegetali. La coltivazione idroponica, inoltre, permetterebbe di usare acqua di scarico depurata per irrigare le piante, che a loro volta la renderebbero potabile. I prodotti sarebbero biologici e controllati, privi di pesticidi, e consentirebbero una produzione a kilometro zero.

Le prime vertical farm

Il primo grattacielo coltivato si trova a Singapore e si chiama Sky Greens Farms. Singapore infatti è altamente popolata, e i cicli naturali dei campi sono troppo lenti per nutrirne gli abitanti. Si spera così di rendere alcune zone della metropoli autosufficienti. Ma una vertical farm si trova anche in Italia: è lo Skyland di Milano, realizzato da ENEA per l’EXPO 2015. Situato nel Future food district di fronte al Supermercato del Futuro della Coop, il grattacielo contiene colture di basilico e lattuga. Ma è uno spazio ibrido, con ambienti domestici e un centro commerciale dove si vende quello che si produce. Il futuro non è mai stato così vicino!

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 16-01-2017


Depurarsi dopo le feste

Cavalli di battaglia, di cosa tratta il nuovo programma di Gigi Proietti