Solitamente la troviamo davanti al nome di qualche quiz, magari senza sapere però cosa trivia significhi esattamente: leviamoci ogni dubbio.

Quante volte ti sarà capitato di giocare a un quiz e di trovare scritta la parola trivia? Se ti sei mai chiesto che cosa significa e quando è il caso di usarla sei capitato nel posto giusto! Andremo, infatti, a spiegarti la corretta accezione da dargli e coglieremo l’occasione per raccontarti l’origine della parola, davvero lontana nel tempo. E chiariremo per cosa si intendesse nella mitologia romana, così ricca di fascino.

  • Origine: da “trivium”, ovvero “tre vie”.
  • Dove viene usato: per indicare qualcosa di banale, noto a tutti.
  • Lingua: latino.
  • Diffusione: mondiale.

Il significato di trivia

dizionario
Fonte Foto: https://pixabay.com/it/photos/libro-rilegato-testo-pagine-1798/

Per comprendere il senso è necessario tornare a secoli fa. Le triviali consistono nelle tre Artes Liberales inferiori, cioè la grammatica, la logica e la retorica. L’espressione arti liberali veniva adottata per designare una parte rilevante delle materie d’insegnamento negli studi di secondo grado nel Medioevo. I tre temi dell’educazione di base erano fondamentali alla quadrixia dell’istruzione superiore, e pertanto il materiale dell’educazione imprescindibile nel proseguimento del percorso formativo, a maggior ragione per chi frequentava l’università.

Da qui il significato di banale, ovverosia di noto a tutti. Nell’Antica Roma faceva riferimento a un luogo dove tre strade si incontravano. Inoltre, era un epiteto latino attribuito a Diana-Luna, perché – spiegava Nigidio Figulo – la Luna si muove per tre vie: in altezza, larghezza e lunghezza. Una seconda spiegazione accettata è quella dei tre domini: di Diana in terra, di Luna in cielo e di Proserpina negli inferi.

L’associazione ai quiz deriva, invece, dagli anni Sessanta del secolo scorso. Allora gli studenti universitari nostalgici e altri cominciarono a scambiare in via informale domande e risposte sulla cultura popolare della loro gioventù, che doveva essere appunto nota a tutti. La prima forma di tale gioco venne chiamato Trivia, in una colonna del Columbia Daily Spectator pubblicata il 5 febbraio 1965. La trivia plurale si è poi allargata per includere concetti non essenziali, attinenti al sapere della gente comune.

Esempi d’uso

Ecco qualche esempio d’uso in casi pratici:

“Trivia quiz: quante ne sai su Pierfrancesco Favino?”.

“Gli Occhio di Falco si sfidano a un trivia sull’universo Marvel”.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 23-03-2022


Covid, quarantena e contatti stretti: cosa cambia dal 1° aprile

Frasi corte e belle: cosa scrivere di breve, ma d’impatto