Con la terza dose del vaccino, la dose diventa booster. Che cosa significa questo termine e qual è la differenza con “richiamo”?

Con la pandemia di Covid-19 che ha visto aprirsi la pagina della variante Omicron, le terze dosi dei vari vaccini sono diventate una necessità primaria per tutti, per rimanere immunizzati contro il virus. In questo senso, le case farmaceutiche produttrici dei vaccini hanno pensato di realizzare una dose booster, ovvero una dosa aggiuntiva del loro vaccino normalmente in due dosi. Questo processo è stato velocizzato ancora di più a causa della proliferazione della variante Omicron. Ma cosa significa dose booster e qual è, se c’è la differenza con una terza dose? Ecco tutto quello che c’è da sapere!

  • Origine: dal mondo delle case farmaceutiche.
  • Quando si usa: per indica una dose aggiuntiva di vaccino, come per esempio le terzo dosi di quello anti Covid.
  • Lingua: inglese.
  • Diffusione: globale.

Il significato di booster per quanto riguarda il vaccino

La dose booster, come dice il dizionario della lingua inglese Oxford English Dictionary, ha un significato molto preciso, legato al campo della medicina e di vaccini in particolare. Il booster è una dose di vaccino che aumenta e rinnova la risposta immunitaria di un soggetto che ha già in precedenza fatto il suddetto, una o due dosi che siano.

terza dose vaccino
terza dose vaccino

Si può tradurre con “richiamo” in italiano. L’Accademia della Crusca, però, ha sdoganato questo termine inglese, che è legato al mondo dell’elettrotecnica, anche se in tantissimi lo hanno già usato per indicare il richiamo del vaccino anti Covid. Ecco cosa ha detto in merito la Crusca in una nota:

Circola in una miriade di comunicazioni giornalistiche, ma anche in avvisi e dichiarazioni di autorità sanitarie impegnate nella lotta contro la pandemia da Sars-Cov-19, il termine booster, che certo è nuovo per il largo pubblico italiano. Nella maggior parte dei casi, se non nella totalità, pare che non si avverta la necessità di renderlo chiaro, spiegandolo o traducendolo“.

Quali differenze ci sono con terza dose, booster e richiamo? Sono esattamente la stessa cosa, se non che la terza dose è in quanto tale la terza, o il primo richiamo (o booster) in ordine di tempo.

Esempi d’uso

Ecco alcuni esempi d’uso per capire meglio quando viene usata la parola booster, presi da articoli di giornale online:

-“Moderna, la dose booster aumenta gli anticorpi contro Omicron di 37 volte“, di SkyTg24.

-“L’Austria annuncia: “Da oggi ingresso solo con dose booster o ‘2-G Plus‘” di Agi.it.

-“Calendario delle terze dosi, Costa: “Tra febbraio e marzo completeremo con somministrazioni booster”” di Fanpage.it

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

coronavirus

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 20-12-2021


Divorzio in Comune, come funziona: i requisiti della coppia

Solstizio d’inverno 2021: arriva la notte più lunga dell’anno