Controindicazioni del the

Controindicazioni del the per chi soffre di anemia e calcoli renali

chiudi

Caricamento Player...

Come numerosi sono i suoi benefici e proprietà, ugualmente tante sono le controindicazioni del the. In particolar modo, il the nero è sicuramente da evitare per le persone che soffrono di carenza di ferro (anemia), di calcoli renali ed ancora il suo consumo dev’essere sicuramente molto limitato da parte delle donne in gravidanza. Tra gli effetti collaterali normalmente associati ad un consumo notevole/elevato di the vi è sicuramente l’insufficienza renale ed un cattivo assorbimento del ferro. I polifenoli, infatti, impediscono l’assimilazione del ferro nel sangue. Se proprio desiderate consumarlo prendetelo lontano dai pasti principali.

Il the, controindicato in eccesso per chi soffre di insonnia

Il tè è sicuramente un eccitante e quindi qualora soffriate di insonnia bisogna limitarne il consumo visto che sostanzialmente agisce come il caffè. Il consiglio è quello di berne una tazza al mattino o di pomeriggio oppure scegliere senza problemi una variabile deteinata.

Ovviamente, affinché tali effetti indesiderati possano verificarsi ci riferiamo all’assunzione di dosi davvero elevate di the nero. Come accennato, alcune persone sono sensibili al consumo del the nero così come già avviene normalmente per il caffè, ricco di caffeina. Il the è una bevanda stimolante che può portare a difficoltà nell’addormentarsi e agitazione nei soggetti più sensibili, che dunque dovrebbero consumare moderatamente questa bevanda.

Controindicazioni del the, evitare l’eccessivo consumo per i bambini e per le persone sensibili

Anche i bambini dovrebbero evitare di bere il the nero, sicuramente per loro è più opportuno scegliere una camomilla o una tisana rilassante. Lo yoga inserisce il the nero tra i cibi che cambiano e che possono avere un effetto dinamico sul corpo e sulla mente. Un consumo moderato di the è sicuramente ottimale e da preferirsi ad un eventuale abuso, così come avviene per tutti i tipi di sostanze.